Ritorno a scuola, Azzolina: “Le Regioni possono cambiare le date, ma dove chiude la scuola deve chiudere tutto”

Pressione

Il ministro dell’Istruzione parla con Rainews 24 dei problemi con il ritorno alla scuola, che è stata rinviata all’11 gennaio per le superiori.

Diamo un messaggio chiaro a tutti. Il 7 gennaio si torna a scuola: tornano gli alunni del primo ciclo, le stesse persone che lo frequentavano prima delle vacanze. Le scuole superiori possono rientrare l’11 gennaio dal 50%Così il ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina durante il suo intervento a Rai News 24.

Venerdì 11 gennaio è stato deciso di verificare i dati di monitoraggio locale. Le regioni hanno la possibilità di modificare la data di ritorno. Hanno competenza. Ma se la scuola chiude, dovrebbe farlo anche il resto. Ci sono regioni che stanno meglio e devono rimanere aperte. Parliamo del futuro dei nostri studenti‘, Ha continuato il ministro.

Riapertura scuole, regioni divise: tutte le date disponibili. Pagina in aggiornamento

Questo paese deve essere la forza trainante del nostro futuro. La scuola deve essere nell’interesse di tutti, maggioranza e opposizione. L’Italia deve tornare in un Paese per giovani. Non c’è lotta politica per la scuola. Dovrebbe essere buono per tutti “, aggiunge Azzolina.

Azzolina ricorda che ‘a dicembre avrebbero riaperto a dicembre, ma si è lavorato con i prefetti per migliorare la situazione nelle province. Oggi il problema non è più il trasporto o lo sconcerto

Il rischio zero non esiste a scuola o in altri contesti. La scuola si è organizzata per garantire la massima sicurezza. È stato fatto un ottimo lavoro“.

Se avessimo il 2% dei focolai, significa che la rimozione ha funzionato con le banche“, Ha detto il ministro.

READ  "L'Europa osa la terza ondata, un Natale decisivo". L'esempio è ora l'Asia

La mancata frequenza a scuola causa problemi. L’istruzione a distanza fa tutto il possibile, ma la scuola in presenza è un’altra cosa. Non è solo apprendimento“.

Anche per questo è fondamentale la frequenza delle scuole superiori dall’11 gennaio. La pandemia non può rubare un pezzo di futuro“, Conclusione Azzolina.

Secondaria: dal 7 al 9 gennaio frequento ancora DDI, dall’11 al 50%. Gli studenti del primo ciclo tornano il 7 gennaio. Le decisioni regionali sono valide per il differimento. Dichiarazione del ministero

Pressione

Written By
More from Arrigo Faugno

LA NEVE E ‘ARRIVATA AL NORD, SITUAZIONE E PREVISIONI «3B Meteo

momento della lettura1 minuto, 30 secondi Meteo: la neve inizia a nord...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *