ma cosa ti ha fatto il Milan?

Come avevamo sperato, gli sviluppi avrebbero dovuto essere seguiti, ma come avevamo sperato, Kjaer si sarebbe fermato in tempo. È un giocatore che va a tutti i punti di lettura, calcolo, esperienza, senza strafare. Proprio per questo ho immaginato e sperato che il movimento che ha portato al problema muscolare contro il Celtic non fosse devastante. E che si è fermato con la sua lucidità al momento giusto. Sembra così e ben prima dell’intervallo dobbiamo vedere in campo lo scandinavo del Sud Simon Kjaer. Da Sud, perché è uno come Hauge (oh guai che traguardo!) Che è nato 1000 km più a nord di Oslo, per essere del profondo e assoluto Nord. Ma senza lasciare le carte nautiche, restiamo sul punto. Se Romagnoli avesse subito lo stesso infortunio, sarebbero stati guai. Perché Alessio ha una storia fisica e di salute molto diversa da quella di Simon negli ultimi mesi. Se Kjaer ha giocato tutti dopo l’esclusione e aveva i muscoli a pieno ritmo, Romagnoli ha avuto una pausa di tre mesi tra luglio e ottobre e un ammonimento muscolare l’8 novembre contro il Verona. Ecco perché Pioli ha utilizzato Kjaer nel turno contro il Celtic.

Bastava leggere i giornali per capire che Elliott possiede il 95,73% di Project Redblack, che detiene la maggioranza del Milan, dopo aver usufruito anche dell’opzione per acquistare le 5.489 azioni di Classe C di cui possiede un aveva promesso, in vendita. Elemental Elliott, il proprietario del Milan, è visibile, forte e chiaro. Puoi toccarlo con la mano e vederlo con i tuoi occhi. Se la politica esterna richiede un vestibolo di nemici rosiconici, questo può essere ben compreso, poiché ci sono ambienti che muoiono senza avere nemici. Ma hanno risolto la questione con una bella domanda, senza fare tutta questa quarantotto lana di capra, proprio per evitare che il Milan avesse lo stadio più bello del mondo e migliaia di lavoratori potessero uscire dalla crisi Covid, grazie al grande investimento di Milan e Inter.

READ  Covid mette fuori gioco la difesa dell'Inter: è un'emergenza alla luce del derby, studio soluzioni Conte Prima pagina

Ma Sampdoria-Milan non giocano palla avvelenata, giocano a calcio e giocano a Marassi. Chapeau a Claudio Ranieri per il tono con cui ha presentato la partita: ordinario grande signore del calcio. D’altronde il suo presidente (ma cosa gli ha fatto il Milan? Ogni volta che ne parla sembra essere punto dal tze fly) ha inaugurato la settimana facendo una delle uscite che i suoi stessi fan non fanno. Non mi piace, ovviamente, la Samp. Gli daremo due al Milan se esce. Senza che nessuno gli chieda chissà cosa. Tutto può succedere e la Samp di quest’anno merita rispetto dopo aver battuto, tra le altre, Fiorentina e Lazio. Ma il tono del presidente Ferrero nei confronti del Milan merita la massima attenzione da parte di Stefano Pioli e di tutti i suoi giocatori. Dov’è? Ma sul campo, ovviamente. E dove altro? Siamo sensibili, ma non certo rosiconi. Ps. no, ma dimmi che non è vero che vogliono rubare 1 miliardo e 200 milioni di investimenti al Milan, per favore …

More from Tiziano Genovese

F1, alla Ferrari è tutto nero: Vettel molto serio, Leclerc china la testa

Non solo Disastro Mercedes e gioia Racing Point. Una delle grandi sconfitte...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *