auto sui pedoni almeno due morti- Corriere.it

Scene di terrore nel cuore di Treviri, in Germania. Un’auto entra nella zona pedonale del centro che ha colpito diverse persone. Almeno due sono stati uccisi, compresa una ragazza (secondo il quotidiano Bild) e molti feriti, almeno quindici. La notizia è stata subito data dalla polizia sul proprio account Twitter e ha invitato la popolazione a evitare il centro.
L’autista è stato immediatamente fermato e arrestato: Un uomo di 51 anni della zona di Treviri. Ma i dettagli di quanto accaduto non sono ancora chiari.

Un testimone oculare, citato dal quotidiano locale Amico del popolo di Treviri fare riferimento a uno Range Rover grigio buio lanciato ad alta velocità e persone che volano in aria. La zona pedonale del centro è stata particolarmente trafficata questo pomeriggio a causa degli acquisti natalizi.

Sul posto sono presenti soccorritori, vigili del fuoco e agenti di polizia. Oltre alle autorità che invitano la popolazione a evitare il centro, le autorità chiedono a eventuali testimoni di fare immediatamente rapporto alla polizia. Anche il sindaco di Treviri Wolfram Leibe si precipitò sul luogo della tragedia: Per ora sappiamo di avere un guidatore pazzo, due morti e almeno 15 feriti, ho appena attraversato il centro ed è stata una scena orribile. Ho anche visto la scarpa di una ragazza per strada in cui ha riferito di lacrime.

Angela Merkel ha parlato anche della tragedia di Treviri: quanto è accaduto a Treviri è sconvolgente: così su Twitter Steffen Seibert, portavoce del cancelliere. Pensiamo ai parenti delle vittime, ai tanti feriti ea tutti coloro che attualmente sono in servizio per aiutare le persone colpite.

(Articolo in aggiornamento)

1 dicembre 2020 (modifica il 1 ° dicembre 2020 | 16:16)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

READ  orari più lunghi e ristoranti attivi
Written By
More from Arrigo Faugno

Macron, discorso alla Francia in balia del Covid: chiusura di venerdì – Corriere.it

Abbiamo fatto tutto il possibile, ma le misure che si stanno adottando...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *