160 dirigenti e imprenditori statunitensi hanno chiesto a Trump di riconoscere la vittoria di Biden

Più di 160 amministratori delegati e dirigenti di importanti aziende statunitensi a New York hanno firmato una lettera aperta inviato all’amministrazione di Donald Trump per chiedere l’avvio formale del procedimento transitorio, ovvero il passaggio di consegne tra il presidente uscente e quello neoeletto Joe Biden.

Tra i sottoscritti imprenditori e dirigenti vi sono David M. Solomon, CEO di Goldman Sachs, una delle banche più importanti del Paese; Laurence D. Fink, CEO di Blackrock, la più grande società di investimento al mondo, e CEO di Mastercard, Visa, Condé Nast Publishing e molti altri. Alcuni dei firmatari sono noti anche per aver fatto donazioni al Partito Repubblicano in passato.

“Con ogni giorno di ritardo in un processo di transizione ordinato, la nostra democrazia agli occhi dei nostri cittadini si sta indebolendo e la statura del paese sulla scena mondiale si sta riducendo”, si legge nel lettera. “Il rifiuto di risorse e informazioni vitali da un’amministrazione che sta per entrare in carica mette a rischio la salute e la sicurezza americana ed economica”. L’amministrazione Trump ha finora rifiutato di riconoscere la transizione, impedendo a Biden e al suo team di accedere ai fondi, agli strumenti e alle protezioni solitamente forniti al presidente per prepararsi all’azione – si chiude aggiornamenti anche sui giornali dell’intelligence.

– Leggi anche: Trump può rimanere presidente?

Nella lettera, i firmatari hanno chiesto che l’Amministrazione dei servizi generali, cioè l’agenzia federale che certifica la transizione, avvii il processo. Anche oggi l’agenzia lo sapeva che informerà il Congresso la prossima settimana, ma per ora non si intende formalizzare la transizione.

Written By
More from Arrigo Faugno

Borsa Italiana, il commento alla seduta odierna (2 novembre 2020)

Nessuna sorpresa da parte dell’agenzia DBRS che non ha apportato modifiche al...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *