Tommaso Zorzi protesta nel limbo per le emorroidi. Squalifica?

Tempesta sul web per un gesto di ribellione del Tommaso Zorzi. L’esercito milanese avrebbe infatti varcato la prima porta rossa e sarebbe rimasto in un limbo in segno di protesta.

La ragione? Il Grande Fratello VIP 5 a quanto pare non vuole dargli farmaci per un disturbo lamentandosi dell’influencer. Secondo le ricostruzioni che abbiamo delle persone di Twitter, Dice Tommaso Zorzi da ieri sera che soffre di emorroidi.

Intorno all’1,36 di ieri sera, mentre tutti dormivano, Thomas avrebbe sperimentato i primi fastidi:

Ore 1:36
Silenzio mortale in camera da letto, tutti mezzi addormentati che cercano di addormentarsi. Tommaso grida: “MI FUCK mi fa male o NON POSSO PIU ‘!”

Il dolore non lo avrebbe riposato nemmeno oggi, ma gli autori del Grande Fratello Vip 5 a quanto pare non vogliono dargli la medicina. Oggi Tommaso ha varcato la prima porta rossa ed è entrato nel limbo. Dall’interno della casa, sulla soglia, Enock, Andra Zelletta e Francesco Oppini cercano di dissuaderlo dal tornare.

Influenzato da lui, ha detto:

Ti giuro che vado! Provo dolore!

Oppini, gridando, risponde:

Ma lo so bene! So che sei il tuo capo!

Dopo di che la direzione si chiude in un altro momento all’interno della casa.

Il web ormai è diviso: se da un lato c’è chi deve espellerlo per aver violato le regole, dall’altro c’è chi chiede pietà a causa della sua situazione specifica. Ti ricordiamo che potrebbe esserci anche il rischio di squalifica Gravin Patrizia De Blanck per aver usato una parola che non avrebbe dovuto usare.

Cosa deciderà il Grande Fratello Vip 5? Dobbiamo solo aspettare stasera per scoprirlo. Intanto il nostro pensiero torna a ricordi lontani ed è immediato:

READ  UFFICIALE - Inter-Borussia, le formazioni: gioca Darmian. Conte si affida a Sanchez ed Eriksen
Written By
More from Arrigo Faugno

Jole Santelli, coraggio e cancro: “Prima di Berlusconi volevo lasciare la politica”

Vuoi sapere la verità? Tre giorni prima che Berlusconi mi suggerisse di...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *