Tommaso Zorzi esagera “Chi vuole questo aborto di pollo?”

I 16 giorni trascorsi in casa si fanno sentire. Tommaso Zorzi, anche lui reduce della chiusura al Cuculio, inizia a manifestare in particolare i primi sintomi di ‘esaurimento’. Ma una sua frase può costargli caro!

Dopo il diverso litigare con Franceska Pepe il periodo trascorso in prigione Massimiliano Morra e Myriam Catania Tommaso Zorzi lo è esausto. Sembra che la sua avventura in casa abbia inizio pesare e, anche grazie a un po ‘ tensione e alcuni pensare negativo inoltre, qualche ora fa l’influencer ha iniziato a dare “Pazzo”.

In un momento di sclero, infatti Tommaso si lasciò ungere follia sana e divertente. Tuttavia, una sentenza pronunciata nella foga del momento può rischiare di provocarne una vero pilastro dei media contro l’ex rivale di Riccanza.

Tommaso Zorzi: skokgrap


Leggi anche: Grande Fratello Vip: il dramma di Tommaso Zorzi


5490998-2323-gfvip-zorzi-signorini-stronzo

Frasi in napoletano maccheronico, battute, risate e momenti esilaranti con i coinquilini. Tommaso, dopo il Cuculio e per essere di nuovo tra gli altri concorrenti, dà sfogo su tutto il suo lato di più ironico e divertente, forse anche guidato dal tensione accumulato finora.

Mentre ha cucinato tuttavia, le uova sono sfuggite bussare innocente che certamente non lo sarà benvenuto di tutti. “Chi lo vuole? aborto pollo?! esclama Tommaso, fare divertente e stimolante.

Gli altri concorrenti ridiscili ma chissà cosa penseranno gli attivisti per i diritti degli animali, sempre pronti a combattere i loro lotte verso gli animali?

Anzi, allevare galline allo scopo di farne una produzione intensiva di uova è uno dei più argomenti discutere. E così Thomas corre davvero la possibilità di portare una domanda spinosa nella casa del Grande Fratello Vip!

READ  Leone, Vergine, Bilancia e Scorpione

Written By
More from Leone Udinesi

“Vice” di Gabriel Garko: La confessione sulla maglietta

Il coming out Gabriel Garko al Grande Fratello Vip è stato uno...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *