Tesla: la Gigafactory di Berlino sarà un banco di prova per le nuove tecnologie

Elon Musk lo ha ripetutamente fatto sapere che die Model Y, che verrà costruito alla futura Gigafactory di Berlino, avrebbe mostrato differenze esatte con il modello attualmente prodotto in America. Il CEO di Tesla, almeno fino ad ora, non ha mai fornito dettagli. In risposta a una domanda di un utente Twitter, Musk ha annunciato che il SUV elettrico che sarà prodotto in Europa ha molti dei notizie annunciate durante il Battery Day.

In particolare ha le nuove 4680 celle e la batteria sarà strutturale. Inoltre, la Model Y è prodotta utilizzando la “Giga Press”, una macchina di colata per la stampa di parti in alluminio con la quale è possibile costruire più parti di auto in un unico pezzo per semplificare la produzione. Infine, Tesla utilizzerà un nuovo sistema di verniciatura nella fabbrica tedesca. In breve, l’idea del CEO di Tesla è quella di trasformare la Gigafactory di Berlino in una sorta di banco di prova per le nuove tecnologie sviluppato dalla società.

Ciò significa che rischi saranno affrontati come ha osservato lo stesso Musk. Solo se tutto andrà bene queste tecnologie saranno utilizzate negli stabilimenti americani e cinesi (Fremont e Shanghai) circa due anni dopo. Una scelta probabilmente perché il mercato statunitense e quello cinese sono i più importanti per il produttore statunitense. In queste sedi, la produzione continuerà senza modifiche tecniche.

READ  Acquistare l'indice DAX al ribasso o utilizzare i rimbalzi per vendere?

Ciò non significa che l’Europa sia marginale rispetto a Tesla. Se qualcosa va storto, l’azienda americana potrebbe essere felice di fornire la Model Y prodotta negli altri stabilimenti. Tuttavia, una strategia che nasconde anche altri rischi. Se le auto prodotte in Europa dovessero causare problemi, i clienti potrebbero iniziare a cercare altrove e la concorrenza in questi giorni è decisamente carente.

More from Nicostrato Manna

le parole del virologo Silvestri sono incoraggianti

“Con il nuovo 4 458 (oggi più di 5.000) casi di infezione...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *