Shock a Berlino, 63 opere d’arte vandalizzate nei musei

E i dati saranno quantificabili solo dopo il restauro, ma il Segretario di Stato alla Cultura, Monika Gruetters, ha aperto la strada alla “giustificata speranza che possano essere rimossi”.

Chi ha agito, l’ha fatto usato uno spray, e l’olio ha fertilizzato la pietra di alcune sculture, due sarcofagi egizi (compreso quello del profeta Ahmose) e le cornici (non le tele come inizialmente temuto) di alcuni dipinti.

Ma ciò che ha causato un simile attacco, anche nel giorno della celebrazione del 30 ° anniversario della riunificazione tedesca, rimane per il momento tutto deve essere chiarito. Non ci sono reclami scritti e dall’unica telecamera che ha fornito immagini non è stato possibile riconoscere nulla, ha spiegato agli investigatori in una conferenza stampa Carsten Pfohl, direttore del dipartimento locale di investigazione criminale.

Esamina quindi su tutta la linea, e per ora non si azzardano spiegazioni. Il clamoroso attacco ha intanto attirato l’attenzione sulle folli affermazioni di uno chef vegano di estrema destra, da tempo bersaglio al Pergamon Museum: qui sarebbe ‘il trono di Satana’, ha detto Attila Hildmann a August ha scritto. , “centro dei satanisti e dei criminali Covid”.

La stessa isola dei musei – patrimonio culturale dell’UNESCO dal 1999 – è stata molto visitata dai manifestanti che protestavano contro le misure Covid. La pista della cospirazione, di cui il Immagine, tuttavia, non otterrebbe molto credito, almeno per ora.

Mentre lo scandalo dei vecchi tesori inquinati riapre la questione della sicurezza dei monumenti berlinesi e mette seriamente a disagio i capi della Fondazione dei possedimenti prussiani, responsabili dei musei.

READ  India: Delhi ha vissuto il novembre più freddo degli ultimi 71 anni: l'ultima ora

“Ho scritto al presidente per presentare un rapporto al consiglio di amministrazione della fondazione”, ha annunciato Gruetters. “Dobbiamo spiegare come è possibile che così tanti danni siano stati fatti senza che nessuno se ne accorga e come prevenirli”. accadrà di nuovo in futuro “.

Il ministro ha parlato di un attacco “contro il patrimonio artistico e culturale e le regole della vita civile”. Il ricordo di furto della moneta d’oro da 100 libbre, ripreso dal Bode Museum – altro gioiello dell’arcipelago museale nel quartiere Mitte – il 27 marzo 2017. È stato attribuito un valore di 3,75 milioni di euro, mai ritrovato. In quel caso, i ladri sono entrati da una finestra.

Per ora, 650 dei tremila visitatori sono stati raggiunti dai proprietari dell’indagine il 3 ottobre scorso, con la richiesta di dare un contributo per chiarire l’enigma. È probabile che gli altri rimangano non rilevabili, poiché non è necessario lasciare i propri dati a chi ha acquistato il biglietto all’ingresso.

More from Eugenio Toscani

Paris ha arrestato un uomo che camminava con un machete – Last Hour

(ANSA) – PARIGI, NOV. 03 – Tanta agitazione e paura nell’11 °...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *