Serie A, Udinese-Parma 3-2: Pussetto regala i primi punti ai friulani nel finale di News

Dopo tre sconfitte consecutive, ilUdinese sblocca e ottieni i primi tre punti del campionato con il Parma per 3-2 nella Dacia Arena. Gli emiliani passano il 26 ‘con Hernani, ma la reazione è feroce: Samir pareggia due minuti dopo, autogol di Iacoponi conduce i friulani al 52 ‘. Karamoh segna il 2-2 al 70 ‘ma Pussetto, entrato nel secondo tempo per Lasagna, ha segnato il gol della vittoria all’89 ‘con un tiro preciso dalla distanza.

LA PARTITA
Dopo tre prestazioni negative, se non inquietanti, l’Udinese non solo si è sbloccata dal punto di vista offensivo e ha trovato i primi gol della nuova stagione, ma ha anche ottenuto una prima vittoria che un po ‘di calma per Luca Gotti e i suoi uomini. I friulani e il Parma giocano apertamente e si mettono subito in difficoltà con ripartenze veloci. Non a caso i primi due gol arrivano per rimessa dal palo: al 26 ‘è il Parma a passare in vantaggio, con una performance solista di Hernani che finisce in rete e grazie alla decisa deviazione di Samir batte un immobile Nicolas. L’1-1 arriva due minuti dopo: a siglare la bandiera, lo è davvero Samir, che si riscatta su calcio d’angolo sfuggendo il segno di Laurini e affondando con un colpo di testa strepitoso.

La partita resta viva anche nella ripresa ed è un misto di astuzia e fortuna, unite ad un clamoroso errore difensivo, tanto che i bianconeri (oggi in maglia azzurra) possono completare il rientro al 52 ‘: Kurtic sbaglia completamente il match da dietro, Pereyra ne approfitta e prova a servire palla in mezzo all’area, Iacoponi non ha fortuna e piega la sfera nella propria porta. Tuttavia, il Parma non ha lasciato i giochi e ha pareggiato al 70 ‘. Karamoh, bello fare una bella prova. Giuseppe Pezzella ha avuto la possibilità di cambiare le cose. Tutto sembra portare al 2-2 finale, ma ci pensa Ignacio Pussetto A sistemare la partita in favore del padrone di casa: l’argentino, entrato nel secondo tempo al posto di Lasagna, riceve palla da Okaka e tira un tiro dai 25 metri in porta che lascia Sepe sbalordito. Non bastano più di cinque minuti di recupero perché il Parma torni a pari merito; a festeggiare per la prima volta in questa stagione è l’Udinese, che tra gli altri uomini di Liverani agganciano a quota 3 in classifica.

READ  Conte: "Attacca, gioca e difendi alto: voglio questa mentalità"

PAGELLE

Pussetto 7: Entra nel secondo tempo al posto di una lasagna morta e pareggia il gol della vittoria in finale. Un messaggio chiaro per Gotti: l’argentino vuole rovesciare le gerarchie in attacco.

Samir 6.5: Purtroppo nello 0-1, colpo di testa perfetto per il pareggio, poi concretamente in difesa: una rivincita per il brasiliano, con il quale le critiche non sono mai troppo morbide.

Lasagne 5.5: Il nazionale lavora bene in panchina, ma è troppo poco pericoloso. L’obiettivo manca dal 12 luglio e il peso dell’offensiva ‘siccità’ si fa sentire: la voglia c’è, il cemento meno.

Karamoh 7: Veloce e fluido, lavora per due in vista dell’abulie di Gervinho. Segna anche un punto, ma non basta nemmeno per fare un punto: la soddisfazione di essere il migliore di lui è piuttosto bassa.

Gervinho 5: La Costa d’Avorio non ha segni di buoni tempi e generalmente fatica a tenere il passo con un gioco aperto e vivace: sorprendentemente, sembra sempre fuori contesto.

Kurtic 4.5: Non è particolarmente la sua giornata (ma non solo) per l’errore che ha dato il via all’azione dell’Udinese per 2-1. Liverani gli ha risparmiato ulteriore imbarazzo sostituendolo a metà del secondo tempo.

LA TAVOLA

UDINESE 3-2 PARMA

Udinese (3-5-2): Nicolas 5.5; Becao 5,5, De Maio 6, Samir 6,5; Ter Avest 5.5, De Paul 6.5, Arslan 5 (22 ‘st Makengo 6), Pereyra 6,5 ​​(33’ st Deulofeu sv), Ouwejan 6,5 (33 ‘st Forestieri sv); Lasagne 5,5 (22 ‘st Pussetto 7), Okaka 6. A disp .: Gasparini, Scuffet, Nestorovski, Zeegelaar. Almal.: Gotti 7

Parma (4-3-1-2): 6 settembre; Laurini 5, Iacoponi 5.5, Gagliolo 6.5, Pezzella 6.5; Hernani 6,5 (35 ‘st Grassi sv), Brugman 5,5 (19’ st Cyprien 6), Kurtic 4,5 (19 ‘st Sohm 5,5); Kucka 6; Karamoh 7, Gervinho 5. A disposizione: Colombi, Rinaldi, Balogh, Nicolussi Caviglia, Adorante. Almal: Liverani 5

READ  Elezioni regionali Campania, risultati: vince De Luca

Arbitro: Forgiatura
Marcatori: 26 ‘Hernani (P), 28’ Samir (U), 7 ‘eliminato. Iacoponi (U), 25 ‘Karamoh (P), 44’ Pussetto (U)
Ammonite: Becao (U), Arslan (U), Brugman (P), Iacoponi (P), Makengo (U)

LE STATISTICHE
È da gennaio contro il Sassuolo che l’Udinese non segna almeno 3 gol in una partita casalinga.
Il Parma, come la scorsa stagione, ha perso tre delle prime quattro gare di Serie A.
Il Parma è la sesta squadra di Serie A contro Stefano Okaka, dopo oggi, con gol e assist.
Sesto gol in Serie A per Pussetto: era dal 15 dicembre 2019 contro la Juventus che non riusciva a trovare il gol nella massima serie.
Quattro dei sei gol di Pussetto in Serie A sono arrivati ​​nell’ultimo quarto, compresi gli ultimi due.
Nella sua 69esima presenza in Serie A, Giuseppe Pezzella ha preso parte oggi al primo gol (aiuto per Karamoh).
Terzo gol in Serie A per il Karamoh: i due con la maglia del Parma sono partiti.
Era da maggio 2019 che il Parma non segnava un autogol in Serie A (Gagliolo-Roma).
L’ultimo autogol a favore dell’Udinese in Serie A risale al match contro il Sassuolo dell’aprile 2019 (Lirola).
Prima di Hernani, l’ultimo gol realizzato dal Parma in Serie A da fuori area è stato quello di Kulusevski a gennaio contro l’Udinese.
Hernani ha segnato due gol in questo campionato, non ne ha mai segnato uno nella sua prima stagione italiana (32 partite nell’ultima Serie A)
Samir è uno dei tre giocatori con almeno un colpo di testa in ognuna delle ultime 4 stagioni di Serie A (con Pezzella e Simeone).
Samir è l’unico giocatore dell’Udinese ad aver vinto tutti gli ultimi 4 campionati di Serie A.
Settimo gol in serie A per Samir (sesto con la maglia dell’Udinese).

READ  Valentino Rossi positivo alla Covid
Written By
More from Arrigo Faugno

Sono stati scoperti due superanticorpi che bloccano l’ingresso del coronavirus

Ha scoperto un gruppo di lavoro internazionale guidato dall’Università di Washington, al...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *