SECONDA ONDA di infezioni, il virologo CAPUA ha la ricetta per contrastarla. Ecco come »ILMETEO.it

CORONAVIRUS: SECONDA ONDA DI INFEZIONI, il virologo CAPUA ha la ricetta per contrastarla. Ecco come

SECONDO ONDA ecco la SOLUZIONE del virologo CAPUALE INFEZIONI in Italia tacciono, anche se è nelle ultime ore c’era una vera VELOCITÀ con più di 2.500 positivi (CHI leggere il BOLLETTINO completo). Tuttavia, rispetto a Francia, Spagna e Regno Unito, stiamo meglio, molto meglio. E questo è stato possibile grazie al comportamento virtuoso di milioni di persone. «Il fatto che i contagi da maggio nell’ordine di mille vCiò significa che siamo andati molto meglio di altri paesi, che forse hanno persino riso degli italiani che indossavano maschere durante l’estate “, ha detto la virologa Ilaria Capua, direttore dell’Emerging Pathogens Institute della University of Florida, in un’intervista a Di Martedì.

Il scienziato invitato a piacere comportamento corretto, indossare la maschera e rispettare la distanza fisica perché “i virus fanno i virus, ma le pandemie sono portatrici del virus che è qui. Mi dispiace dirtelo, ma il virus è qui e si diffonderà, dobbiamo imparare a conviverci”.

E la SECONDA ONDA? “La seconda ondata non arriva con il vento o la pioggia, arriva quando gli italiani iniziano a comportarsi come se si comportassero infelici INGHILTERRA. Andare in piazza a festeggiare con fiumi di birra senza maschera non va bene. ‘Quindi dobbiamo essere pazienti per qualche altro mese e almeno fino alla prossima primavera: “Arriviamo alla fine dell’inverno e poi possiamo riprendere le abitudini, possiamo iniziare a rinunciare. Sono sicuro che gli ospedali italiani li stanno preparando per qualcosa che speriamo non ci sarà, speriamo non ci sia una seconda ondata“.

More from Nicostrato Manna

La vita prima dell’ossigeno: questo è ciò che si respira

L’ossigeno non è sempre stato sulla terra, ma questo non significa che...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *