Il Covid in Vaticano porta a quattro il numero delle guardie svizzere positive

Salgono a quattro i casi di guardie svizzere positive al Covid. Il sito del quotidiano svizzero Srf ha riportato ieri sera una prima puntata in cui si fa riferimento ad un documento interno inviato ai sottufficiali. Il budget è in aumento questa mattina. Il portavoce Matteo Bruni ha dichiarato: “Lo scorso fine settimana c’è stata una certa positività nei confronti del Covid tra le guardie svizzere. Al momento si tratta di 4 persone, con sintomi, tutte messe in isolamento. I controlli sono in corso in queste ore. tra coloro che possono essere stati in contatto diretto con loro.Nel frattempo, secondo le disposizioni emanate dal governatore dello Stato della Città del Vaticano la scorsa settimana, indossare tutte le guardie, in servizio e non, maschere, fuori e dentro, e prendere la misure sanitarie prescritte “. I permessi e le ferie sono stati sospesi. Tutti gli uomini devono rimanere nelle loro stanze nelle baracche.

“Le quattro guardie – spiega Bruni – si aggiungono ad altri tre aspetti positivi che sono stati riscontrati tra residenti e cittadini dello Stato in queste settimane, tutti con sintomi lievi e per i quali sono state osservate presso il loro domicilio e verifica tutte le misure di isolamento necessarie. coinvolti “. Il 4 ottobre hanno prestato giuramento 38 nuove reclute della guardia papale.



READ  Coronavirus, parzialmente rinchiuso a Madrid. In Gran Bretagna 7mila casi, 12mila in Francia
Mario Calabresi Sostieni il giornalismo Abbonati a Repubblica
-->

More from Eugenio Toscani

Nagorno-Karabakh, fragile tregua dell’Armenia e dell’Azerbaigian

Significativo cessate il fuoco in Nagorno-Karabakh. Armenia e Azerbaigian hanno raggiunto un...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *