‘I dati stanno aumentando, nessuna illusione. Maschere anche fuori “

La situazione coronavirus in Italia è migliore di altri paesi, ma l’attenzione va tenuta alta e non ci possono essere illusioni. Il ministro della Salute è convinto, Roberto Speranza, che ha illustrato in sala i contenuti del nuovo Dpcm per l’inserimento della pandemia da Covid-19. “È chiaro a tutti che la situazione internazionale e nazionale sta mostrando un cambiamento di fase rispetto agli ultimi mesi. Nel mondo i contagiati sono più di 35 milioni con più di 1 milione di morti, e l’ECDC posiziona l’Italia al 45 ° posto – ha detto il ministro – in tutti i Paesi c’è una svolta e si stanno ripristinando misure restrittive: l’Italia è sul momento migliore e fermare meglio questa seconda ondata, ma non dobbiamo farci illusioni e in base ai numeri sarebbe sbagliato credere che non ne siamo fuori ».

Covid Italia, domani il Dpcm: maschera da esterno, ma niente coprifuoco per bar e ristoranti

Nel file Dpcm «stiamo anche valutando l’estensione dell’obbligo di mascherine esterne. Continuamente in qualsiasi situazione in cui ci sia il rischio di incontrare persone che non convivono», dice il ministro che ha aggiunto: «Lstiamo lavorando per aumentare i livelli di controllo perché le riunioni sono un rischio reale che non possiamo permetterci. Dobbiamo ricordare le regole essenziali come il lavaggio delle mani, oltre all’uso delle maschere. Sarebbe profondamente sbagliato dividerti su questo, quali sono le indicazioni della comunità scientifica per cercare di combattere il virus».

Massima attenzione

Secondo il pastore, c’è «una fase di peggioramento oggettivo e all’interno di questa fase l’Italia è migliore, ma per 9 settimane l’aumento del numero dei casi. Inoltre, nella prima fase, il virus ha colpito un’area specifica del Paese. Ora c’è un elemento di novità perché non c’è più una dinamica di territorialità, con un pezzo di terra fortemente colpito e un altro solo marginalmente colpito. In questa seconda fase non è più così, c’è una crescita diffusa e generale e nessuna realtà è fuori discussione. Abbiamo bisogno della massima attenzione in ogni angolo del paese». In breve, per Hope «BOccorre ripristinare la massima collaborazione tra Stato e Regione con cui abbiamo avuto un incontro e prima della firma del Dpcm avremo ancora una volta un».

READ  Giro d'Italia, 20 ° turno (Alba-Sestriere): Viviani in volo | il diretto

“Basso impatto nelle scuole”

«Penso che sia ancora troppo presto per un giudizio definitivo sulla capacità del Paese di mantenere un basso livello di infestazione nelle scuole, ma i primi numeri indicano un basso impatto e una buona resilienza. Ci sono casi che saranno nelle prossime settimane, ma i protocolli che abbiamo individuato al momento sono approfonditi e se li rispettiamo rigorosamente ci può permettere di gestire il gioco della scuola».

L’albero di prova

“Stiamo rafforzando la nostra capacità di test, che, come è noto, è un’arma fondamentale nella gestione di questa fase di transizione. Nei giorni scorsi abbiamo superato la soglia dei 120mila test al giorno. Speranza sottolinea una soglia molto più alta di quella che abbiamo raggiunto prima. “Quando sono stato l’ultimo in classe, abbiamo fissato la soglia record di quel tempo a 100mila, e ora siamo a 120mila e dobbiamo ancora lavorare per crescere e rendere la nostra capacità di test il più forte, veloce e veloce possibile”. Ministro. “Oltre ai classici test molecolari, che rappresentano il gold standard, il più solido riferimento per la diagnosi – un elenco di Speranza – dal 13 agosto si utilizzano i test antigeni, basati sull’esperienza degli aeroporti. E ‘stato’ un’esperienza che testiamo da diverse settimane, e che ha dato risultati incoraggianti, con una circolare del Ministero della Salute abbiamo ampliato l’ambito di utilizzo anche all’esterno, proprio dai luoghi dove è essenziale una capacità di test veloce e veloce è.

Per quanto riguarda il controllo delle persone a rischio provenienti dai Paesi, “adatteremo le misure del governo all’evoluzione epidemiologica dei singoli Paesi”. L’auspicio, conclude, “è che si possa ottenere anche un utilizzo significativo dei test salivari, che ha un grande vantaggio, cioè che sia meno invasivo del classico tampone, e possa permetterci di migliorare uso, soprattutto per quanto riguarda i più piccoli “.

READ  Conte: "Attacca, gioca e difendi alto: voglio questa mentalità"

video

Ultimo aggiornamento: 11:32


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *