Elezioni regionali Campania, risultati: vince De Luca

Napoli – Era chiaro che avrebbe vinto. Anche questo ha vinto. L’unico gioco che Vincenzo de Luca (69,1%) ha giocato in questo turno elettorale In Campania Non era con il candidato di centrodestra Stefano Calduro (17,3%) ma con Pd Lui stesso.

Chi sta trascinando chi, la domanda era. Adesso è chiaro: De Luca è l’autista, non il suo partito. Infatti, nel commentare il voto, non parla del Partito Democratico, ma lo unisce grazie alle liste che lo hanno sostenuto, sostenendo, tra l’altro, che la scelta di raccogliersi attorno ad esso è anche un diritto non ideologico. Dice De Luca, perché la sua vittoria, dice, è frutto di persone che secondo lui dovrebbero essere prese a modello.

[Leggi qui tutti i risultati delle elezioni Regionali, qui quelli del Referendum: qui tutti i dati della consultazione]

Chi parla del Napoli questa volta come mai prima d’ora. Nella capitale ha progetti politici di grande peso e nel giorno della vittoria è stato accusato più volte di mettere Salerno al vertice delle sue idee e non ha menzionato la sua città. Sulla scia della campagna, mi sono sentito un orgoglioso rinato a Napoli, che può stare alto oggi in Italia e in Europa.

Ma c’era una sensazione uniforme in tutta la regione. Questo risultato esprime l’orgoglio di Napoli e della Campania in termini di dignità nazionale e internazionale. Ora puoi affrontare la sfida delle competenze di chiunque.

Ma il filo conduttore di De Luca resta il Covid, che secondo Calduro gli è valso la vittoria stessa. Prima della pandemia eravamo dalla nostra parte perché noi, dall’opposizione, presentavamo logica alle cose concrete. Poi con il virus tutto è cambiato. Su Covid De Luca lancia l’allarme. E sembra anche annunciare azioni imminenti: siamo di fronte a un’enorme sottostima della situazione in Italia. Vedo molto relax e molta distrazione. L’ondata di ripresa dell’epidemia è già presente ed è necessaria una nuova linea di rigore e controllo.

READ  "Non farmi lo stesso errore"

In Campania o in tutta Italia? Non lo spiega, ma conferma che la Campania è una regione molto esposta perché è la regione con la più alta densità di popolazione del Paese. Tuttavia, è irresponsabile non capire che siamo già nella seconda ondata dell’epidemia. Se rafforza ulteriormente il governante, il voto in Campania rimodella gli equilibri tra i partiti.

Al centro sinistra si evidenzia il successo della lista del presidente De Luca con la vicinanza al Pd (13,79% e 17,36%), mentre Italia viva ha un 7,28% combinato. Sull’altro fronte Forza Italia è in calo (5,09% contro il 17,8% cinque anni fa). Il pool associativo è del 5,27%. Primo partito della Confraternita italiana con il 5,58%. E infine il cinque stelle: 13,67%.

22 settembre 2020 (modifica al 22 settembre 2020 | 09:03)

© Riproduzione riservata

Written By
More from Arrigo Faugno

Giro d’Italia, 20 ° turno (Alba-Sestriere): Viviani in volo | il diretto

Frazione alpina di oltre 3500 metri di altezza, 190 km da Alba...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *