è il più alto del mondo. “Non puoi vivere con meno”

«Non puoi conviverci uno stipendio inferiore a 3.500 euro“. Questo principio diventa una norma in Svizzera. Domenica, il 58,15 per cento degli elettori l’ha approvato secondo il voto generale, che ha concluso la lotta sostenuta dai sindacati. Una vittoria per la sinistra, a 6 anni dalla bocciatura con referendum federale. A Ginevra, il salario minimo è fissato a circa quattromila franchi, e datori di lavoro e datori di lavoro devono conformarsi.

Brexit di disaccordo, a che punto siamo?

Il testo prevede espressamente una tariffa oraria di almeno 23 franchi (21 euro), per 41 ore di lavoro a settimana. UN salario minimo garantito che si verifica anche in altri due cantoni, Neuchâtel en Jura. Anche la Svizzera, nota per la concentrazione di redditi molto alti, ha subito le conseguenze economiche del blocco e del Paese pandemia. Il salario minimo garantito viene approvato in un contesto in cui è più facile trovare persone in difficoltà finanziarie. Un quarto di questi nuovi poveri è di origine straniera.

“Intere famiglie con bambini – rivela uno studio dell’Ospedale universitario cantonale – sono cadute in una crescente insicurezza alimentare”. Da allora la misura è stata ampiamente attesa dai sindacati e dai partiti di sinistra. Ginevra è una delle città più costose del mondo. La riforma entrerà in vigore il 17 ottobre e andrà a beneficio di circa 30.000 lavoratori a bassa retribuzione, due terzi dei quali sono donne, molte delle quali lavorano come addetti alle pulizie, ristoranti o parrucchieri. Questo è il salario minimo più alto del mondo.

Ultimo aggiornamento: 13:20


© RIPRODUZIONE RISERVATA

READ  Una collisione ravvicinata tra due voli Ryanair, quindi la più grande tragedia aerea mai evitata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *