Credono che sia morto: rinchiuso nella cella frigorifera per 24 ore

Un uomo di 74 anni del Tamil Nadu, India, è rinchiuso in un frigorifero per 24 ore su consiglio dei familiari che lo credono morto, ma quando i direttori del funerale lo vanno a prendere il giorno dopo per il funerale, si rendono conto che l’uomo è ancora vivo. È stato ricoverato nello stesso ospedale ed è morto oggi dopo alcuni giorni di lotta per la sua vita. La famiglia è ora accusata di “agire in modo sconsiderato o negligente per mettere in pericolo vite umane”.

L’uomo è stato ricoverato in un ospedale privato nel Tamil Nadu e, secondo quanto riferito, è stato dichiarato morto in ospedale da un medico. Il preside dell’ospedale ha detto alla BBC che il paziente era stato ricoverato in ospedale in condizioni critiche e che lunedì era stato dichiarato morto per problemi polmonari. La famiglia ha poi portato il corpo a casa e ha chiamato un’impresa di pompe funebri e ha inviato una scatola refrigerata in attesa del funerale che doveva essere programmato il giorno successivo. La stessa società ha riferito che il fratello dell’uomo ha dichiarato di aver firmato una lettera di un medico che conferma la sua morte.

Il capo della polizia di Salem Senthil Kumar ha detto che la famiglia, composta da sua moglie, due figlie e un fratello, non poteva consegnare un certificato di morte. Non è chiaro quante ore Balasubramanyam abbia trascorso nel congelatore, o come sia sopravvissuto alla temperatura gelida all’interno della cassa, e se anche il personale dell’ospedale sia oggetto di indagini.

More from Eugenio Toscani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *