Coronavirus nel mondo: contagi, aggiornamenti e tutte le novità sulla situazione

La situazione nel mondo: carte e carte
La cronologia

Sono oltre 313mila le nuove imprese per un totale di 38,34 milioni. Il bilancio delle vittime è di 1.090.000 (dati della Johns Hopkins University, aggiornati il ​​14 ottobre)

Record aziendale in Germania

Sono stati più di 5mila i nuovi contagi di Covid nelle ultime 24 ore: è la prima volta da aprile. Lo ha riferito l’Istituto Robert Koch. Ci sono 620 pazienti in terapia intensiva nel paese, riferisce Immagine. In 7 giorni in Germania sono stati rilevati più di 26mila nuovi casi, con un’incidenza del 31,5 ogni 100mila abitanti, ma l’incidenza è di oltre 60 a Berlino.

I dati sono aumentati notevolmente rispetto ai giorni precedenti. Il presidente della Baviera prevede una nuova esclusione nazionale in mancanza di misure “unificate, obbligatorie e comprensibili”. Per la prima volta in dieci anni, la popolazione è in calo e, secondo gli esperti, la causa principale è il calo dell’immigrazione dovuto alla pandemia. Positivamente il capo del servizio segreto “interno” tedesco, Thomas Haldenwang.

Belgio, le cifre aumentano. Terapia intensiva in difficoltà

Nuovo boom in Belgio. Secondo gli ultimi dati diffusi dall’Istituto di sanità pubblica, si sono verificati in media 5mila contagi al giorno tra il 4 e il 10 ottobre. Si tratta di un aumento del 93% rispetto alla settimana precedente. Venerdì scorso è stato registrato il picco di 7 030 nuove infezioni e oggi più di 7 300. Di questo ritmo, Bruxelles teme che arriverà a metà novembre con una bassa capacità di posti letto in terapia intensiva. Ogni giorno 150 pazienti vengono ricoverati d’urgenza in ospedale. Dopo la Repubblica Ceca, il Belgio è il secondo Paese più colpito dalla pandemia in Europa.

L’Iran affronta la terza ondata

Il paese ha battuto due cupi record questa settimana con il maggior numero di morti in un giorno dallo scoppio di marzo e il maggior numero di nuove infezioni. La tv di stato ha annunciato ieri che i morti sono oltre 29mila e che i contagi sono oltre 508mila.

Numeri alti in India ma la curva è in calo

Sono oltre 63mila i nuovi casi di Covid, con più di 8mila rispetto al giorno precedente, ma comunque meno di un mese fa, quando il virus era al suo apice nel Paese. Il ministero della Salute ha riferito che il totale dell’India ha raggiunto più di 7,2 milioni, il secondo posto al mondo dietro agli Stati Uniti. Il mese scorso, il Paese ha registrato più di mille morti al giorno. Secondo il Ministero della Salute, il numero medio di casi giornalieri in India la scorsa settimana è sceso a 72.000 da 92.000 durante la settimana dal 9 al 15 settembre, quando il virus ha raggiunto il picco.

Argentina, migliaia in piazza contro le restrizioni

Migliaia di persone ieri sono scese in piazza a Buenos Aires e in diverse altre città argentine per denunciare il “fallimento” della risposta del governo alla pandemia di coronavirus. La protesta è chiamata oggi dai social media dall’hashtag # 12O (12 ottobre, tutti per strada). Questa è la cosa più importante contro il governo del presidente. Alberto Fernandez.

In macchina oa piedi, i manifestanti si sono radunati al centro della capitale argentina con bandiere e cartelli gridando slogan contro il governo e le restrizioni imposte dalla pandemia. Molti di loro non avevano maschere. Secondo l’ultimo rapporto del ministero della Salute, i contagiati da marzo sono oltre 903mila. L’opposizione di centrodestra non ufficialmente si è unita alla protesta, lodata dall’ex presidente Mauricio Macri e l’ex ministro dell’Interno Patricia Bullrich.

L’Europa chiude

io Olanda, finora meno severi dei loro vicini europei, sono soggetti a “restrizione parziale” a partire da mercoledì, compresa la chiusura di pub e ristoranti nel tentativo di frenare lo scoppio della pandemia, ha annunciato. Primo ministro martedì Mark Rotta. Dopo mesi di rifiuto di indossare una maschera, ha deciso di renderla obbligatoria in spazi ristretti per gli over 13. La vendita di alcolici è vietata dalle 20:00.

Irlanda del Nord: chiusi bar, ristoranti e scuole

Una delle esclusioni più dure nel Regno Unito inizia oggi: 4 settimane per pub e ristoranti, due settimane per le scuole. Una mossa radicale decisa dal premier Arlene Foster. Venerdì il ministro della Salute ha lanciato l’allarme: la situazione peggiora di giorno in giorno e impone misure serie. I servizi di asporto e consegna rimarranno aperti. I cittadini sono invitati a evitare viaggi e lavori non necessari da casa. Le università dovranno lavorare il più possibile da remoto

Il nuovo annuncio di Macron stasera

Il presidente francese Emmanuel Macron Mercoledì parlerà in televisione e potrebbe annunciare possibili nuove restrizioni nelle grandi città. Nonostante la riduzione del numero di nuovi casi, la situazione rimane grave. 25.000 persone hanno chiesto di testare i nuovi vaccini dieci giorni dopo l’appello delle autorità sanitarie francesi. Ieri sono stati registrati quasi 13.000 nuovi casi e più di 100 decessi.



READ  Vengono visualizzati gli "argomenti riservati". Il papa lo chiude con la 'corte'
More from Eugenio Toscani

Chi era Samuel Paty, il professore decapitato in Francia?

Dal nostro corrispondente PARIGI Il professore decapitato all’uscita della scuola di Conflans,...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *