bar chiusi alle 21:00 e feste in casa (con maschera) fino a 6 persone. Ipotesi lezioni a distanza al liceo

Maschere è consigliato anche a casa tra i non residenti, feste a casa con un massimo di 6 persone (ma anche questo è solo un consiglio), fermati sport di contatto amatoriale e anche fermati gite scolastiche. Vir i gente del posto che non chiude presto il tavolo alle 21. Questi sono alcuni dei cardini della nuova tavola Dpcm anti-Covid che il governo possa iniziare stasera, illustrato dal Presidente del Consiglio Conte alle Regioni e ai Comuni che si sono incontrati in videoconferenza. Da parte loro, la regione temeva anche l’ultima risorsa per l’ipotesi di un ritorno lezione a distanza per gli studenti delle scuole superiori per facilitare il trasporto pubblico. Dopo il vertice Conte ha incontrato la maggioranza delle delegazioni.

Le maschere fuori e dentro

«Nel Dpcm andremo ad inserire la previsione di maschere esterne che già redigiamo nella normativa generale nella legge. Sebbene la norma sulle maschere da esterno sia vincolante, inseriremo una forte raccomandazione sulle maschere nelle abitazioni private in presenza di persone non residenti. Non pensiamo di introdurre una norma vincolante, ma vogliamo dare il messaggio che se si ricevono persone che non vivono in casa bisogna usare una maschera ”, ha spiegato Conte nell’incontro con Regione e Comuni.

Feste in casa, massimo sei persone

Basta con le feste private, con una “forte raccomandazione” di limitare anche quelle a casa se partecipano più di sei persone. Secondo quanto si è appreso, il premier avrebbe spiegato che questo punto è ancora allo studio. Alcuni ministri continuano infatti a imporre un vero e proprio divieto, anche a casa.

READ  Coronavirus: Francia, ministro non esclude nuovo blocco - Last Hour

Locale, chiude alle 21:00

La proposta del governo è di chiudere i locali senza servizio al tavolo e di vietare l’uso di cibi e bevande al di fuori delle 21:00 per evitare raduni e per servire pub, locali e ristoranti a mezzanotte. Tuttavia, alcuni governatori non sarebbero convinti di quest’ultima ipotesi.

Matrimoni, limite di 30 persone

Per quanto riguarda le cerimonie – matrimoni, comunioni, cresime e funerali – restano in vigore le regole dei protocolli approvati, ma è fissato un limite massimo di 30 persone per i ricevimenti successivi.

Contatta lo sport amatoriale

Confermata l’ipotesi di sospendere gli sport di contatto, come il calcio o il basket, a livello amatoriale, ma consentendola a livello amatoriale per le imprese che accettano protocolli per limitare le infezioni. Il motivo è, si spiega, non punire chi ha fatto investimenti e adottato protocolli per la ripresa delle proprie attività, da parte delle varie federazioni sportive.

Ipotesi di lezioni a distanza

Durante il ricongiungimento con la regione, alcuni di questi hanno ipotizzato di tornare all’istruzione a distanza per gli studenti delle scuole superiori per allentare la pressione sui trasporti. Una proposta solo se si temesse l’ultima risorsa, il governo ridurrebbe la capacità attualmente disponibile per il trasporto pubblico. È «la notizia che la Regione Emilia-Romagna farebbe una proposta per tornare alla formazione a distanza non ha fondamento », ha affermato il governatore Bonaccini. Ma in ogni caso “il problema esiste”, spiega un ministro. Tra le misure che il governo propone a Regioni e Comuni c’è anche la prevenzione gite scolastiche, attività educative fuori sede e gemellari.

Ultimo aggiornamento: 20:16


© RIPRODUZIONE RISERVATA

READ  Regionali, la Toscana è ancora al centro sinistra. Gianni ha fermato l'attacco Chicardi del 48% (grazie a Florence): "Ho vinto senza padrini"

Written By
More from Arrigo Faugno

In chiusura a Milano, Sala scrive a Speranza: “Ora sarebbe sbagliato” – Corriere.it

Il Sindaco di Milano, Giuseppe Sala, e quello di Napoli, Luigi de...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *