Grande Fratello Danilo insulta Lucia, una battuta o una frase sessista?

18 Mag, 2018, 14:41 | Autore: Adone Liotta
  • Grande Fratello

Una battuta nei confronti di Lucia Bramieri fatta da Danilo in confessionale e riportata da Simone Coccia, che era dentro con lui, alla diretta interessata. Il concorrente romano si è scusato dicendo di essere stato frainteso, ma sono volate parole grosse anche con lo stesso Simone. Mi dovrebbero narcotizzare per farmi infilare da uno come te. Da oggi fino all'ultimo giorno in cui starò in questa casa, il mio nome lo farai solo alle Nomination. "Non ti azzardare mai più a riferire cosa dico in confessionale anche se sei li con me...". Hai una donna a casa e scrivi ad altre 'Dove ti piace mordere...' La Bramieri sostenuta: "Io non mi diverto, ti avevo avvertito già tre volte". Si scatena un'accesa discussione in camera da letto dove Simone e Danilo se ne dicono di tutti i colori. Vantati di esserlo. Chi offende le donne non è un uomo. "Sei zero, non puoi pronunciare la parola "donna". "Assumi una posizione invece di vivere sempre all'ombra degli altri", replica.

Simone Coccia però è deciso a giocarsi il tutto per tutto e punta alla squalifica di Filippo Contri e Danilo Aquino. Ho detto "Mi infilo DALLA Bramieri".

Lucia Bramieri, dopo le offese ricevute, ha fatto una richiesta al Grande Fratello: avere la possibilità di non avere più nessuna interazione con Danilo. Secondo me è una strategia di nomination. E ancora: "Non ti considero un uomo, ti considero un ragazzo, forse anche meno". Io a casa non ho un marito, non ho un fratello, altrimenti sarebbero venuti qui e lo avrebbero preso per le orecchie. Il "casus belli" è stata una delle innumerevoli battute volgari che hanno caratterizzato questo Grande Fratello. "Se qualcuno diceva che voleva ubriacarsi per infilarsi tua madre o tua sorella non so se ci ridevi sopra". Gli si dice 'Danilo, queste battute non le deve fare più, perché a noi non piace il sangue della tua battuta'. Signora Bramieri mi scusi, ma per me questa situazione è irreale. A mettere il punto sulla questione è il giudizio, probabilmente illuminato, di Angelo Sanzio: "La vostra è tutta una strategia per le nomination".