Rosita, suicida a 16 anni: chiesta la condanna dei genitori Video

17 Mag, 2018, 12:46 | Autore: Alighiero Casassa
  • Rosita Raffoni si uccise a 16 anni. Il video ai genitori: “Mi odiate, non piangerete per me”

Da quanto emerso, sembra che la ragazza prima di suicidarsi avesse registrato un audio ovvero un messaggio vocale sul proprio telefono abbandonato assieme ad uno scritto sul tetto della scuola, dove riponeva delle accuse molto pesanti nei confronti dei genitori e soprattutto del padre che pare l'avesse maltrattata fino a portarla a compiere questo gesto estremo. Sono queste essenzialmente le richieste di condanna della pubblica accusa nei confronti del padre e della madre di Rosita Raffoni, ovvero la sedicenne che la mattina del 27 giugno del 2014 si toglie la vita gettandosi dal tetto di un liceo classico che frequentava a Forlì. Per Roberto Raffoni, il padre, i pm hanno chiesto 6 anni di carcere per le ipotesi di reato di istigazione al suicidio e maltrattamenti fino alla morte. Da qui l'avvio del procedimento giudiziario che ha portato al processo in corso di fronte alla Corte d'assise del tribunale della città romagnola presieduta dal giudice Giovanni Trerè. Il video fu girato col cellulare fino a quando la batteria non si scaricò, poco prima del gesto estremo. Si tratterebbe di rapporti sfociati in una vera e propria sfida-guerra, in particolare con il padre, quando Rosita, per l'accusa, ha cercato di liberarsi della cappa di umiliazioni, isolamento e privazioni a cui era sottoposta. Fino all'ultima provocazione ovvero una sfida fatta dal padre alla figlia di mettere in atto i propositi di suicidio e per questo i genitori sono finiti a processo per maltrattamenti fino alla morte e soltanto il padre per istigazione al suicidio. Dal testo si ricava l'enorme malessere della giovane, come sottolineano anche i pm nell'atto di accusa. Nella lettera la ragazza ribadisce che i genitori non l'hanno mai capita, conosciuta, né accettata per quello che era e che la sua ultima volontà è quella di lasciare un segno.

Rosita Raffoni si uccise a 16 anni. Ora si attende la sentenza definitiva.