È stata scoperta la molecola in grado di curare il raffreddore

15 Mag, 2018, 16:17 | Autore: Minervina Schirripa
  • Raffreddore molecola

Impossibile lavorare all'ipotesi di un vaccino ( i Rinovirus sono più di 100) e finora nessuno è mai riuscito a mettere a punto una terapia contro questi insidiosi virus.

Per la prima volta in laboratorio una molecola ha ucciso completamente il virus del raffreddore. Se il composto risulterà efficace sui topi, bisognerà dimostrare che è sicuro. "Un farmaco come questo potrebbe essere estremamente utile se somministrato nelle prime fasi dell'infezione e stiamo lavorando per creare una versione che possa essere inalata, in modo che arrivi rapidamente ai polmoni". E' stata scoperta infatti la molecola che impedirebbe al virus di replicarsi e pare che possa funzionare su tutti i ceppi di microbi, dando quindi un ko tecnico al raffreddore per il futuro. Ed hanno scoperto che la molecola Imp-1088 ostacola proprio questa proteina, inibendo un meccanismo chiave alla base della costruzione del guscio del virus.

Invece di attaccare direttamente il virus del raffreddore, hanno pensato infatti di rubare al virus gli strumenti che lo stesso utilizza per assemblare la sua discendenza. Anzi, secondo gli autori della ricerca, sarebbe in grado di agire anche contro altri virus della stessa famiglia del raffreddore (polio, mani-bocca-piedi').

Naso che cola, allergia, freddo, starnuti, disagio: il raffreddore, in qualsiasi forma si manifesti, è uno dei disturbi più comuni e fastidiosi che ci colpiscono. Quindi, se i risultati saranno soddisfacenti, si potrà passare ai testi sugli umani, "ma ci vorranno anni", fanno sapere i ricercatori.

Si tratterebbe, inoltre, di un medicinale che non avrebbe effetti collaterali tossici.

"È la prima tappa di un cammino ancora lungo", ha commentato il biochimico Roberto Solari, che ha condotto la ricerca nell'Imperial College di Londra al fianco del collega Edward Tate.

Spesso con la parola raffreddore si indica una cosa molto generica legata alla presenza di sintomi molto simili a quelli dell'influenza, ma come funziona il raffreddore? La squadra di chimica farmaceutica, guidata da Andy Bell (fra i 'papà' del Viagra), era originariamente alla ricerca di molecole che mirassero alla proteina nei parassiti della malaria. La soluzione è arrivata scegliendo un nuovo bersaglio: non il virus del raffreddore, ma la proteina che lo aiuta a invadere le cellule.

L'approccio usato fino ad oggi punta a colpire il virus in maniera diretta con un farmaco specifico.