Bankitalia: record debito a 2.302,3 mld

15 Mag, 2018, 17:32 | Autore: Sofia Staffieri
  • Francois Lenoir  Reuters

Il vicepresidente della Commissione Ue, Valdis Dombrovskis, non fa in tempo a lanciare il suo monito dalle colonne di Politico sulla necessità italiana di ridurre il debito, che Bankialia dà una cifra al problema: 2.302,3 miliardi. Nonostante l'aumento, il dato è riuscito comunque a mantenersi al di sotto dei massimi registrati a luglio 2017, quando l'indebitamento delle pubbliche amministrazioni è schizzato su quota 2.308 miliardi.

(Teleborsa) - A marzo, il debito delle Amministrazioni pubbliche è aumentato di 15,9 miliardi rispetto al mese precedente, risultando pari a 2.302,3 miliardi. A tanto, a marzo, è arrivato il debito pubblico delle amministrazioni tricolori.

Il risultato - spiega Via Nazionale - è dovuto anche "all'effetto complessivo degli scarti e dei premi all'emissione e al rimborso, della rivalutazione dei titoli indicizzati all'inflazione e della variazione dei tassi di cambio (0,8 miliardi)".

Lo ha comunicato oggi la Banca d'Italia nel fascicolo 'Finanza pubblica, fabbisogno e debito'. Lo rende noto Bankitalia.

Ad aumentare è stato soprattutto (16 miliardi) il debito delle amministrazioni centrali, mentre quello locale è calato di 0,1 miliardi. A marzo le entrate tributarie contabilizzate nel bilancio dello Stato sono state pari a 28,5 miliardi, pressoché invariate al livello dello stesso mese del 2017. Nel complesso dei primi tre mesi del 2018, invece, le entrate tributarie sono state pari a 91,7 miliardi.