Rottamazione cartelle esattoriali, giorno 15 termine ultimo per aderire alla nuova edizione

14 Mag, 2018, 11:27 | Autore: Sofia Staffieri
  • Fisco ultimi giorni per la rottamazione delle cartelle

La scadenza per aderire alla rottamazione delle cartelle esattoriali è alle porte: entro domani 15 maggio i contribuenti incerti dovranno prendere una decisone.

A tutti i contribuenti che presentano la domanda di rottamazione entro il 15 maggio 2018, l'Agenzia delle entrate-Riscossione invierà una comunicazione entro il 30 giugno 2018 contente l'importo condonato e le eventuali date di scadenza per chi rateizza l'importo o le eventuali motivazioni del diniego. Invece, per quanto riguarda le multe stradali non sono dovuti gli interessi di mora e le maggiorazioni previste dalla legge. Possono fare richiesta anche i contribuenti che non sono stati ammessi alla precedente definizione agevolata solo se al 24 ottobre 2016 avevano un piano di rateizzazione in essere con l'agente della riscossione e non erano in regola con i pagamenti delle rate in scadenza entro il 31 dicembre 2016.

"Te"; delegando un professionista delegato; oppure presso uno dei 200 sportelli di Agenzia delle entrate-Riscossione.

Ai contribuenti che intendono aderire alla definizione agevolata va innanzitutto consigliato di utilizzare l'apposito prospetto informativo per chiedere i carichi "definibili" e quelli "non definibili" sulla base delle informazioni comunicate dagli enti creditori all'Amministrazione finanziaria. La richiesta può essere effettuata sia nell'area libera del portale messo a disposizione dei contribuenti sia nell'area riservata. La domanda per richiedere il condono di sanzioni ed interessi su debiti iscritti a ruolo notificati dal 1° gennaio 2000 al 30 settembre 2017, deve essere redatta sul nuovo modello dell'Agenzia Entrate Riscossione reperibile sul sito dell'Agenza delle Entrate-Riscossione che si chiama Modello DA 2017. Anche il numero unico 06.0101 dell'Agenzia offre assistenza tutti i giorni 24 ore su 24 (con operatore dal lunedì al venerdì, dalle ore 8 alle 18), mentre sul canale YouTube di Agenzia delle entrate-Riscossione è possibile trovare il video-tutorial dedicato alla definizione agevolata. L'elenco degli indirizzi pec regionali è allegato al modello DA 2000/17 e pubblicato sul portale web.

Il modello è suddiviso in sezioni. Si può inviare via mail alla casella Pec dell'Agenzia, ma solo da un indirizzo Pec. Inoltre, se ci sono pignoramenti già in corso, allora il prelievo proseguirà ma andrà rimodulato in funzione del minor debito, scontato di interessi e mora, e delle nuove rate della rottamazione. Andando più nel dettaglio: se si tratta di una cartella, bisogna indicarne il numero; se si tratta di un avviso di accertamento esecutivo dell'Agenzia delle entrate, è necessario inserire il numero del "riferimento interno", che si trova sulla relativa comunicazione di presa in carico; se, invece, si tratta di un avviso di addebito ricevuto dall'Inps, basta indicare il numero dell'atto.

Una volta preso l'impegno, il contribuente dovrà assolutamente rispettare le scadenze che sono tassative: il mancato pagamento nei termini implica l'immediata uscita dalla rottamazione.