Non era mal di schiena Donna muore a 49 anni

24 Апреля, 2018, 10:52 | Autore: Minervina Schirripa
  • Daniela Sabbatini  Facebook

Donna muore di aneurisma all'aorta addominale, Roma: una 49enne perde la vita per un tragico errore dei medici che le avevano diagnosticato una lombosciatalgia dimettendola. "Era a letto, ancora cosciente ma tutta storta, un braccio blu e gonfio, una flebo infilata in un piede e continuava a lamentarsi per il dolore con un filo di voce, si contorceva, ma mi diceva grazie per essere lì e scusa, ripeteva, scusami". A denunciare la questione è stata la sorella di Daniela, Annamaria Sabbatini, ai microfoni del Corriere della Sera.

Daniela Sabbatini ha iniziato ad accusare dei dolori ai reni e alla gamba sinistra lo scorso 18 marzo. "È morta così Daniela Sabbatini, 49 anni, di Roma". Questa la testimonianza della sorella Annamaria: "Daniela aveva 49 anni, stava bene. Invece è morta fra dolori lancinanti e sola", sono le strazianti parole della sorella. Il suo calvario è iniziato il 18 marzo. Da giorni Daniela aveva lievi dolori a reni e gamba sinistra, ma siccome anni fa era stata operata di ernia non si era preoccupata troppo. Nonostante questo il perdurare dei sintomi l'avevano portata dal medico di famiglia che le aveva consigliato di prendere una semplice tachipirina. Il padre decide di chiamare l'ambulanza. "Verso mezzanotte l'ho vista, aspettava ancora la visita". Ma i dolori erano continuati [VIDEO]e quando poi è tornata in ospedale è passato altro tempo prima che fosse fatta la diagnosi giusta. Si è alzata per chiedere quanto mancasse alla visita ed è quasi svenuta. Ha raccontato ancora Annamaria che quando la madre ha chiesto al primario se alla figlia sarebbe davvero toccato di morire, la donna si è sentita rispondere "Sì, ma tanto tocca a tutti... Lei mi mandava messaggi per chiedermi aiuto, ma non potevo entrare". Daniela si contorceva dal dolore e sudava. Ovviamente ho risposto di no.

I medici iniziano così a rendersi conto che la situazione è più grave del previsto e parlano di un'infezione che aveva bloccato i reni, con glicemia e pressione altissime. Pensavano a una meningite e avevano spiegato che Daniela andava ricoverata e che le avrebbero fatto una tac. "Ci hanno detto che c'era solo da aspettare la fine". Ma a quel punto non c'era più niente da fare. Lì l'ho vista l'ultima volta. Alle 13 i medici avvisano la famiglia che Daniela aveva "un aneurisma addominale, con un inizio di ischemia celebrale e addensamento di sangue nei polmoni". Ci hanno dato pochissime speranze.