Renato Vallanzasca "cambiato profondamente": carcere chiede semilibertà

17 Aprile, 2018, 14:20 | Autore: Alighiero Casassa
  • Vallanzasca: dal carcere la richiesta di libertà condizionale

Renato Vallanzasca ha chiesto ai giudici del tribunale della Sorveglianza di Milano "la liberazione condizionale" o in subordine la "semilibertà", beneficio già ottenuto nell'ottobre 2013 ma poi revocato dopo l'arresto del giugno 2014 per il furto in un supermercato di due paia di boxer, due cesoie e del concime per piante. Episodio che gli è valso una condanna a 10 mesi per tentata rapina impropria e soprattutto il ritorno al regime carcerario.

Il 67enne "Bel Renè" ha avuto "un cambiamento profondo, intellettuale ed emotivo" e "non potrebbe progredire con altra detenzione": per questo motivo si ritiene che "possa essere ammesso alla liberazione condizionale", scrive l'equipe di osservazione e trattamento del carcere di Bollate. Questa volta per l'aggressione di un agente a Bollate, nell'area colloqui, in presenza di altri detenuti e familiari.

Nei prossimi giorni il Tribunale di Sorveglianza deciderà quindi se far concludere a Renato Vallanzasca la pena fuori dal carcere.