Giallo sulla morte di Nico, l'autopsia rivela sostanze chimiche nel sangue

17 Aprile, 2018, 12:25 | Autore: Alighiero Casassa
  • Nicola Marra, l'autopsia ha rivelato altre sostanze oltre l'alcool

Nico Marra, il ragazzo morto la notte di Pasqua a Positano, cadendo in un dirupo dopo una serata in discoteca, potrebbe non essere morto per lo stato di agitazione creato dall'alcol. Lo stabilisce l'autopsia effettuata sul corpo del ragazzo.

Gli esami tossicologici, non ancora ufficiali, raccontano una storia diversa della morte di Nicola Marra. Questo emerge dopo l'autopsia eseguita dal professore Pietro Tarsitano della Federico II di Napoli e dalla Tossicologa Pascale Basilicata.

Uno slittamento nella consegna delle perizie reso necessario da un qualcosa che sarebbe emerso dalle analisi e che avrebbe indotto i due esperti ad ulteriori approfondimenti. Come rivela Il Mattino, si tratta di sostanze non ancora tipizzate la cui presenza nel sangue del giovane farebbe pensare che, al contrario di quanto si era supposto all'inizio, Nico non sarebbe stato ucciso da un presunto abuso di alcol.

Ubriaco si ma non al punto di perdere completamente le sue facoltà mentali. L'alcool probabile che avrà amplificato l'effetto di queste sostanze che ora dovranno essere definite.

Il titolo di reato ipotizzato, ricordiamo, è di morte come conseguenza di altro delitto ma non ci sono iscritti nel registro degli indagati. L'unica certezza è l'allontanamento del ragazzo filmato dalle telecamere di videosorveglianza del Comune e delle attività sul posto.