Casa » Sport

Nicchi tuona: "Riforma? Si rischia nuova Calciopoli. Ma la Federazione non esiste"

16 Aprile, 2018, 12:38 | Autore: Lucilla Lucia
  • SERIE A TIM

Di più. E lancia l'allarme: "Vogliono indebolire il peso politico degli arbitri e questo significa minare la nostra indipendenza, la nostra forza, aprire scenari nefasti di un passato ancora da dimenticare - grida il presidente dell'Aia ai microfoni di 'Radio Anch'io Sport' su RadioUno - Potrebbe essere l'inizio di una nuova Calciopoli". "Se ci fosse un arbitro che dà fuori di testa all'improvviso, andrebbe sotto all'esame dell'AIA ma anche dell'organizzazione della Procura Federale". Lo sciopero? Io faccio di tutto per calmare gli arbitri, ma non sorprendetevi se non li troverete sul campo. Il nesso con Calciopoli è che qualcuno vuole mettere le mani sugli arbitri. La violenza? Un ragazzo di 18 anni è stato picchiato da uno di 32 e nessuno dice una parola. E' uno strumento da tutti accettato e da tutti voluto. Quando ci sono dei dubbi devono andare al monitor, ma non lo possono fare ogni volta che c'è un episodio da rivedere. Ad ogni modo è sempre l'arbitro che decide, questo è un caposaldo che deve rimanere. Il grande scandalo che ha colpito il calcio italiano nell'estate del 2006 potrebbe tornare realtà: allora la Juventus si vide revocata due scudetti e finì in Serie B, altre squadre (Milan, Lazio e Fiorentina) subirono pesanti penalizzazioni nel campionato seguente e il terremoto fu di vasta scala, anche se probabilmente l'onda lunga delle scosse risvegliarono l'orgoglio della Nazionale che vinse il Mondiale. Non ho sensazioni di contrarietà al VAR, ma anzi si chiede di migliorarla e ora si va in campo più sereni: dai protagonisti in campo, ai tifosi. E' uno strumento che fa giustizia.

Le parole di Buffon: "A certi livelli bisogna stare attenti a cosa si dice perché ci sono i ragazzi che ascoltano. Io avrei difeso l'arbitro che non può essere minacciato", ha detto Nicchi. Quanto accaduto è una cosa che devono gestire gli organi internazionali preposti, non esprimo giudizi sull'operato tecnico dell'arbitro. "Non posso agire sul modo di pensare di un dirigente italiano". Abbiamo una sala Var con simulatore a Coverciano per migliorare di giorno in giorno. Gli errori saranno ridotti al lumicino. Non capisco perché debba essere un pericolo. Dove sta scritto in democrazia che noi non dobbiamo utilizzare il nostro diritto di voto?