Volkswagen: Herbert Diess nuovo CEO, Müller saluta

13 Aprile, 2018, 15:24 | Autore: Sofia Staffieri
  • Volkswagen decide per il ricambio Se ne va Müller, il nuovo ceo è Diess

Il manager tedesco, 59 anni, ex BMW, sostituisce il 64enne Matthias Müller, ex ad di Porsche, chiamato anch'esso due anni e mezzo fa circa a tirare fuori dal pantano dei TDI il colosso di Wolfsburg.

PAROLE DI ELOGIO Per l'oramai ex Müller, l'alta dirigenza Volkswagen ha solo parole di ringraziamento di stima per quanto fatto. Volkswagen metterà un "chiaro accento sugli ambiti della mobilità elettrica, della digitalizzazione delle auto e della guida e dei servizi alla mobilità".

Riorganizzazione in casa Volkswagen.

Da tenere conto, inoltre, della felice situazione finanziaria che il nuovo "timone" Diess eredita dalla precedente "guida" Müller, che va in archivio - relativamente al Bilancio 2017 - con un attivo di 11,6 miliardi di euro, profitti operativi (già al netto delle spese sostenute per il Dieselgate) nell'ordine di 13,8 miliardi, e un monte-vendite globali di 10,7 milioni di veicoli per l'intero Gruppo. Ciascuno degli attuali responsabili dei dodici "brand" del Gruppo avrà in incarico maggiori reponsabilità gestionali: lo stesso Herbert Diess sarà alla guida delle attività di ricerca e sviluppo nella connettività; l'attuale CEO Audi, Rupert Stadler, avrà in mano la Divisione Vendite del Gruppo VAG; il numero uno di Porsche, Oliver Blume, riceve l'incarico di supervisionare le attività di produzione; il responsabile finanziario Frank Witter sarà anche responsabile dei programmi IT. "Il gruppo Volkswagen è un insieme di marchi forti dal grande potenziale", ha spiegato Diess nel nuovo ruolo di ceo in un comunicato: "Müller ha preparato il cambio del corso - ha proseguito - e il mio compito più importante sarà ora di perseguire e accelerare la strada in modo coerente, insieme al gruppo dirigente e ai nostri collaboratori, per diventare un fornitore redditizio, leader al livello mondiale di una mobilità sostenibile". "Per questo, gli è dovuta la gratitudine di tutto il Gruppo".