Italia: importazioni ed esportazioni in calo a gennaio

19 Marzo, 2018, 14:20 | Autore: Sofia Staffieri

A conti fatti, il saldo risulta negativo ma in miglioramento rispetto all'anno precedente: -87 milioni (-575 milioni a gennaio 2017). Anche la flessione degli acquisti di gennaio "è da ascrivere ad una riduzione in entrambe le aree: -4,6% per i paesi Ue e -4,1% per quelli extra Ue".

Va precisato però che, al netto delle differenze nei giorni lavorativi (22 a gennaio 2018 contro 21 di gennaio 2017), l'aumento risulta più contenuto (+2,7%), mentre su base mensile gennaio segna un calo dell'export pari al 2,5% e addirittura del 4,4% per l'import. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all'uso delle informazioni ivi riportate. Al netto dell'energia, si registra un avanzo di 3,0 miliardi di euro. In termini tendenziali, a gennaio 2018 si rileva un aumento significativo sia dell'export (+9,5%) sia dell'import (+7,8%), entrambi determinati principalmente dalla sostenuta crescita dell'interscambio con l'area Ue.

Roma, 19 mar. (AdnKronos) - Nello scorso mese di gennaio il saldo commerciale è pari a -87 milioni (-575 milioni a gennaio 2017). La crescita tendenziale delle importazioni (+7,8%) interessa tutti i raggruppamenti principali di industrie a eccezione dei prodotti energetici (-3,7%).

In febbraio la bilancia commerciale giapponese è risultata in attivo di 3,4 miliardi di yen, su attese per un deficit di 99,6.

Tra i settori che contribuiscono in misura più rilevante alla crescita tendenziale dell'export, l'Istat segnala il boom degli articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici (+25,9%), dei metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti (+17,1%), di sostanze e prodotti chimici (+14,4%), e dei prodotti delle altre attività manifatturiere (+13,4%) e prodotti alimentari, bevande e tabacco (+12,8%). In diminuzione le vendite di autoveicoli (-3,0%).