Casa » Sport

Sampdoria-Inter, Spalletti: "La Champions passa anche da qui. Perisic? Non sono preoccupato"

17 Marzo, 2018, 13:23 | Autore: Lucilla Lucia
  • Matías Vecino Juventus-Inter

Vigilia di campionato in casa nerazzurra.

Sampdoria-Inter, Spalletti: "Dobbiamo alzare l'asticella: serve la qualità del Napoli perché..." Tra poco il tecnico nerazzurro, Luciano Spalletti, presenterà il match dal Suning Training Centre di Appiano Gentile. FcInter1908.it vi riporterà - come di consueto - la diretta testuale della conferenza stampa dell'allenatore dell'Inter. Lisandro ci sta dando una mano, ora che Ranocchia ha avuto qualche problemino. Gioca un calcio moderno, hanno uno staff tecnico preparatissimo. Poi ce ne sono altre. Contro di loro trovare spazi e tempi per pensare è difficile, bisogna anticipare tutte le sintesi e giocare in velocità, dando seguito alle azioni in velocità. "Alcuni calciatori passano periodi in cui non riescono ad esprimersi con continuità ma lui sa di avere certe qualità e può metterle dentro in qualsiasi momento". Il fatto che in alcune gare riusciamo ad avere equilibrio e compattezza, questa è la soluzione a tutto. Penso che il misuratore della forza e della personalità, del carattere, sia il Napoli. Io dico delle cose per far prendere consapevolezza ai calciatori che possiamo fare qualcosa di più. Ieri sono venuti a trovarci Crespo e Maicon e Perisic e Hernan ha spiegato bene la sua qualità eccelsa. "Ma io mi aspetto personalità ovunque, l'esempio deve essere il Napoli che gioca sempre con lo stesso atteggiamento".

Sul centrocampo: "Teniamo conto di tutto".

MENO RETI SEGNATE - "Gol diminuiti a volte dipendono dai periodi che stai passando".

Quando dice che l'Inter ha poca qualità, è un tentativo estremo di stimolare una risposta? Nelle ultime due partite per me sono cambiate molte cose e ce le ho molto chiare. Futuro? Devo dimostrare di meritarmi l'Inter, di poter lavorare in una grande società, di avere l'onore di essere affiancato da due grandi direttori: uno che conosco da più tempo come Sabatini e uno che sto apprezzando quest'anno che è Piero Ausilio per conoscenza di calcio. Attraverso la loro qualità abbiamo preso due giocatori improntati, mi riferivo ai nomi che leggevo sui vostri giornali, quando però si insiste troppo questo diventa un disturbo nello spogliatoio. Le avversarie ci renderanno la vita difficile, ma dobbiamo avere la forza per fare undici partite di un certo livello. Non basta una buona gara e poi due sotto il nostro massimo. La differenza la farà questo.

Dalbert? Sta crescendo, si sta allenando bene.

PERISIC - "IO l'ho sempre visto naturale e tranquillo, l'ho visto esibire la qualità indiscussa quindi insisto". Uno come Ivan lo vorrei sempre allenare e sempre nelle mie formazioni.

"Le squadre di alta classifica hanno fatto vedere di avere passo e corsa". Il suo svantaggio è stato quello di arrivare con il campionato che iniziava e non ha potuto approfondire con delle amichevoli. E' giovane, non ha avuto la possibilità di conoscere in maniera più approfondita questo e non aver fatto quella piccola esperienza di conoscenza interna, quando lo mette di fronte alla partita ufficiale, per lui diventa un esame. "Loro mi hanno rassicurato, nonostante l'infortunio".