Pensione casalinghe 2018: cosa è, come richiederlo, requisiti e importo (GUIDA)

17 Marzo, 2018, 22:14 | Autore: Sofia Staffieri
  • Quanto prenderò di pensione? Le previsioni per il futuro

Pensione Casalinghe 2018: è un argomento di profondo interesse in Italia soprattutto alla luce di di alcune novità.

La pensione casalinghe Inps Inail, è la possibilità per le persone che svolgono a titolo gratuito attività di assistenza e cura della famiglia e della casa, di poter ottenere una pensione di vecchiaia al raggiungimento dei requisiti di età e contributi versati al Fondo di previdenza.

Svolgono un lavoro part time. Nel caso in cui lo stesso trentenne abbia anni di interruzione lavorativa, la percentuale si abbassa al 53 per cento (in pratica la pensione è la metà dell'ultimo stipendio, con una quota di anni di contriuti pari a 30,3). Servono 5 anni di contributi versati.

Si tratta - spiegano gli esperti del portale di informazione giuridica Studio Cataldi - di prodotti pensionistici individuali che sono stati concepiti circa 3 anni fa, inseriti in una proposta lanciata dall'Eiopa (Autorità delle assicurazioni e delle pensioni aziendali e professionali) secondo i dettami della Commissione europea.

Pensione Casaline 2018: quanto bisogna versare al Fondo per riceverla? Stessi standard in tutta l'Ue, costi minori e maggiore concorrenza sono i vantaggi di questi fondi pensione lanciati dalla Commissione europea nel giugno 2017, e ora approdati sul tavolo di Europarlamento e Consiglio che dovranno dare il loro via libera.

In 1 anno, l'Istituto accredita, pertanto, i mesi che risultano dividendo l'importo totale versato per 25,82 euro, per cui se ad esempio nel corso del 2018 si sono versate 110 euro in totale, vengono riconosciuti 4 mesi di contributi. L'età di uscita per la pensione anticipata o per la vecchiaia, inoltre, va sempre più in avanti e la situazione peggiora se la carriera lavorativa è segnata da interruzioni.