Casa » Sport

Napoli, Ghoulam: "Testa al campionato ed al mio recupero"

15 Febbraio, 2018, 14:50 | Autore: Lucilla Lucia
  • Prof Mariani Il secondo infortunio di Ghoulam non ha a che fare con la lesione ai legamenti

Se il campionato per il Napoli di Maurizio Sarri va a gonfia vele e gli entusiasmi sono a mille, non tutti i componenti della rosa partenopea stanno vivendo un buon momento.

In un'intervista concessa al portale algerino Le Buteur Faouzi Ghoulam ha parlato del nuovo infortunio e del sogno Scudetto: "Il gesto dei compagni di squadra non mi ha sorpreso, siamo una famiglia". Siamo credenti, bisogna andare avanti ed avere pazienza. È chiaro che abbia svolto un intenso lavoro fisico, e questo spiega il secondo infortunio.

Nelle ultime ore, tanta paura, ma soprattutto sono circolate tante voci, anche quelle di un possibile ritiro dell'algerino dato che dopo questi due infortuni, la sua carriera era a rischio.

Per esempio, ho letto che avrei simulato la mia malattia e che mi ero iniettato un virus influenzale, ma come puoi tollerare queste cose? "Quando ti ritrovi nel tuo letto e hai la febbre e il giorno dopo leggi un giornale che cerca di mettere in discussione il tuo patriottismo, sì, è molto difficile". "Quello che fa male, è il fatto che sia messo in discussione tutto quello che hai fatto per l'Algeria". Queste parole mi hanno ferito. "Sapere che qualcuno ha esultato per il mio infortunio sui social network mi ha fatto davvero male". "Hanno scritto di tutto su di me, attaccando me e la mia famiglia" accusa Ghoulam. Ma penso che siamo stati così concentrati sulla corsa al campionato che abbiamo finito per avere meno aggressività e concentrazione in Champions League.

Scaramanzia sulla parola scudetto? L'obiettivo della squadra resta lo scudetto, anche se, per scaramanzia, non se ne parla esattamente apertamente: "A Napoli dicono "speriamo di vincerlo quest'anno" ma non si può pronunciare la parola scudetto".

In chiusura, su Ounas: "Per lui Napoli è stata una scelta eccellente, diventerà uno dei migliori giovani in Italia e in Europa. Cerchiamo di aiutarlo e di farlo inserire, insieme a Mertens e Kalidou, perché ha talento ed un grande futuro davanti".