PyeongChang 2018, Eurosport e Giorgio Rocca pronti per le Olimpiadi

09 Febbraio, 2018, 04:50 | Autore: Sofia Staffieri
  • Pronti partenza via Svizzera Norvegia e USA sul velluto nelle gare inaugurali

Pyeongchang (Corea del Sud), 6 feb. (askanews) - Un'epidemia mette in crisi l'organizzazione della sicurezza alle Olimpiadi di Pyeongchang, al via il 9 febbraio. Difficile dirlo, entrano in gioco tanti fattori. In un'edizione che si annuncia storica, l'Italia non vuole più essere comprimaria come a Vancouver (un oro, cinque medaglie) e Sochi: otto medaglie ma zero ori, come non succedeva da trentaquattro anni (Lake Placid 1980).

Molti spettatori hanno già rinunciato e gli organizzatori temono un flop in mondovisione, ma il rischio concreto è che il gelo condizioni tutte le gare all' aperto a cominciare da quelle di sci e fondo (il -20 è limite massimo per la regolarità). A occhio saremmo più per la seconda delle opzioni, anche perché a livello di pulizie anche qui pare tutto ok, con robottini in stile star-wars che spadroneggiano tra i corridoi e i dietro alle quinte del quartier generale Olimpico.

Il CONI ha scelto Arianna Fontana, campionessa azzurra di Short Trak, come portabandiera della nazionale italiana. Domracheva, Dahlmeier, Kuzmina e Makarainen sono tra le favorite per la vittoria ma dalle retrovie potrebbero spuntare fuori atlete pericolose come le nostre azzurre, ovvero Dorothea Wierer, Lisa Vittozzi, Alexia Runggaldier e Federica Sanfilippo.

Uomini (8): Mirco Bertolina, Francesco De Fabiani, Dietmar Noeckler, Federico Pellegrino, Maicol Rastelli, Sergio Rigoni, Giandomenico Salvadori, Stefan Zelger. In totale, l'Italia parteciperà a 14 discipline olimpiche, su 15.

Partiamo coi numeri: 900 ore di live, 4.000 ore di copertura complessiva su Eurosport 1 e Eurosport 2, rigorosamente anche in HD su satellite. L'abbonamento ad Eurosport Player offre accesso illimitato alla diretta di Eurosport 1, Eurosport 2 e ai contenuti on demand da vedere su iOS, Android, Web, tvOS e Chromecast. A cui si aggiunge la sublicenza alla Rai delle circa 100 ore programmate anche dalla televisione pubblica in chiaro. Siamo certe che almeno una volta abbiate sentito parlare di lei. Non dimentichiamoci, infatti, di Soohorang e Bandabi: la prima è una tigre bianca, protagonista a bordo pista e nella promozione delle olimpiadi coreane; il secondo, invece, è un orso bruno asiatico, portafortuna ufficiale delle paralimpiadi successive. No, mamma. Tutto a posto.