Francia: lo scandalo del latte contaminato si allarga

14 Gennaio, 2018, 13:06 | Autore: Sofia Staffieri
  • Francia, scandalo per salmonella nel latte per neonati. MDC chiede rassicurazioni al Ministero Salute

Il latte e molti prodotti caseari di Lactalis vengono utilizzati per l'alimentazione dei bambini e molti genitori hanno fatto causa all'azienda dopo che i loro figli si sono ammalati.

Nel conrso di un incontro con la stampa, il gruppo Lactalis ha rinnovato le sue scuse in merito alla vendita di latte contaminato e ha assicurato che sta collaborando con i servizi pubblici francesi da quando è emerso il rischio di una possibile contaminazione di salmonella per alcuni prodotti per l'infanzia. Bensier ha promesso un risarcimento per tutte le famiglie colpite e ha spiegato che le conseguenze di questa crisi sanitaria per i consumatori, compresi i bambini sotto i sei mesi, erano in prima linea nella sua mente.

Bufera sulla multinazionale francese Lactalis per il latte in polvere contaminato da salmonella: 12 milioni di confezioni sono state ritirate dal mercato.

Emmanuel Besnier, amministratore delegato di Lactalis, ha spiegato che "dobbiamo tenere conto della portata di questo intervento: sono interessate più di 12 milioni di scatole". Dopo i colloqui, il ministro Bruno Le Maire ha affermato che la società avrebbe richiamato tutte le confezioni di latte artificiale per bambini, indipendentemente dalla data di produzione. "È per noi, per me, una grande preoccupazione", ha detto al Journal du Dimanche. "Anche perché - ricorda Luongo - lo stabilimento coinvolto nello scandalo è lo stesso che già nel 2005 era stato incriminato per alcuni casi di salmonella". Ragion per cui il giornale Canard Enchainé ha scritto che i controlli sanitari dei veterinari non sarebbero stati conformi alla legge negli ultimi anni. Alcuni marchi della grande distribuzione, come Intermarché, in alcuni casi hanno deciso di non vendere più nessuno dei prodotti del gruppo. Persino il presidente francese Emmanuel Macron è intervenuto sul caso in occasione della sua visita a Roma, il quale non ha escluso che potrebbero essere presi dei provvedimenti sanzionatori. Le associazioni di consumatori francesi si preparano a dare battaglia, con gli avvocati che preparano una mega-causa. "Sarà tutto ritracciato, si prenderannò le misure del caso, si commineranno delle sanzioni se ci sarà bisogno ma la sicurezza alimentare dei cittadini francesi ed europei è una priorità e continuerà ad essere garantita".