Media si adeguano a Trump, sdoganata parolaccia immigrati

13 Gennaio, 2018, 16:56 | Autore: Alighiero Casassa
  • Trump volta le spalle all'evidenza scientifica. E se fosse un vantaggio?

"L'Ue prende nota della dichiarazione del presidente degli Usa Donald Trump - si legge nel comunicato -". Durante un incontro nello Studio Ovale, il tycoon avrebbe utilizzato questa espressione con alcuni membri del Congresso: "Perché gli Stati Uniti dovrebbero avere tutta questa gente che arriva da questo cesso di paesi?". Sì alla Norvegia Trump si sarebbe spinto anche oltre: gli Stati Uniti dovrebbero attirare piu' immigrati da paesi come la Norvegia. Ciononostante, Donald Trump ha già affermato nello scorso ottobre che l'intesa non è ormai più "funzionale agli interessi americani" e più di recente ha annunciato di "aver rinviato per l'ultima volta le sanzioni" procedendo in tal modo alla cosiddetta "decertificazione".

La nuova Nuclear Posture Review, Npr, una serie di raccomandazioni della Casa Bianca emanate ogni otto anni, includerebbe un piano per rimuovere i vincoli al Dipartimento dell'Energia e modificare il D5 Trident lanciato dai sottomarini (nella foto). Volano gli insulti di Trump.

L'ESA ha subito espresso una dichiarazione di denuncia verso le parole di Trump: "La grandezza dell'America è costruita sulla nostra diversità. Bisogna evitare un linguaggio che possa disumanizzare i nostri fratelli e sorelle", continua il comunicato dei vescovi, che deplorano la coincidenza dell'accaduto con il dibattito sul futuro dell'immigrazione e sulla situazione di sospensione vissuta dagli 800mila giovani legati al programma Daca. La notizia riportata dal Washington Post e dal New York Times, secondo cui il presidente Donald Trump avrebbe pronunciato giovedì 11 gennaio la frase "Why do we want all these people from 'shithole countries' coming here?"

Il noto commentatore keniota Patrick Gathara ha dichiarato alla France presse che queste dichiarazioni non rappresentano nulla di nuovo rispetto a un'amministrazione "razzista e ignorante", ma anche rispetto all'Occidente in generale. Oggi, invece, gli Stati Uniti sono soli.

Al Palazzo di Vetro delle Nazioni Unite intanto gli ambasciatori dei Paesi africani si sono riuniti d'urgenza, mentre il segretario generale Antonio Guterres ha invitato a rispettare sempre e ovunque i diritti e la dignità degli immigrati. Trump ha spiegato in un tweet di avere preso la decisione a causa del suo disappunto nei confronti del predecessore Barack Obama, che avrebbe venduto l'attuale ambasciata per "noccioline", per costruirne una da 1,2 miliardi di dollari. "Voglio un sistema di immigrazione basato sul merito e persone che contribuiscano a migliorare il nostro Paese", ha concluso Trump.