Trenitalia, Iacono: treni più green e confortevoli per Veneto

12 Gennaio, 2018, 16:19 | Autore: Sofia Staffieri
  • Il nuovo treno “Rock”

Gli investimenti (1 miliardo complessivamente) riguardano i nuovi treni (~ 700 milioni), revamping di quelli vecchi (~ 59 milioni), gli impianti di manutenzione (~ 60 milioni), tecnologie e informatica (~ 14 milioni), manutenzioni cicliche (~ 248 milioni).

Il nuovo contratto di servizio definisce le caratteristiche principali dell'offerta ferroviaria regionale e punta a incrementare la qualità dei servizi destinati ai pendolari.

Sono stati, infatti, resi più stringenti i controlli sulla qualità del servizio offerto da Trenitalia in merito soprattutto al rispetto degli orari e al comfort per i passeggeri. Alla presenza del Presidente della Regione Luca Zaia, dell'Assessore ai Trasporti Elisa De Berti, del Ministro dei Trasporti Graziano Del Rio e di Renato Mazzoncini e Orazio Diacono (rispettivamente AD di FS Italiane e di Trenitalia) si è così formalmente ufficializzato il rinnovo dell'accordo, partito già dal 1° gennaio scorso, per un valore totale di 4,4 miliardi di euro tra contratto di servizio, nuovi treni e infrastrutture. "È una giornata storica - ha sottolineato Zaia - oggi firmiamo, come prima Regione d'Italia, il contratto di servizio".

L'esponente di Governo ha poi ricordato gli 8 miliardi di finanziamento, 4 a Trenitalia e 4 RFI, stanziati dal Ministero e ha evidenziato che gli investimenti attivano un'importante filiera industriale e assicurano un aumento di lavoro e occupazione. "Una cifra enorme", ha sottolineato il numero uno ai Trasporti.

"I cittadini veneti devono sapere che la Regione ha fatto per loro un lavoro eccezionale - ha affermato l'Amministratore Delegato delle Ferrovie dello Stato -, dimostrando capacità programmatoria e lungimiranza: nei 15 anni di contratto di servizio c'è la garanzia dell'ammortamento degli investimenti ma soprattutto c'è la garanzia di poter disporre a regime di 110 nuovi treni che sostituiranno con maggior efficacia e funzionalità i 130 oggi in esercizio, disponendo di una flotta che non avrà uguali nemmeno nei Länder più evoluti della Germania". Dopo essere riusciti a migliorare gradualmente negli anni scorsi il servizio su ferro nella nostra regione, ora abbiamo davanti a noi una programmazione concreta che porterà il Veneto a disporre di un sistema ferroviario tra i più efficienti e moderni d'Europa.