De Benedetti parlò con Renzi del decreto sulle banche? E' polemica

10 Gennaio, 2018, 12:57 | Autore: Sofia Staffieri
  • De Benedetti:

Secondo i magistrati, infatti, non sarebbe stato commesso insider trading perché nella telefonata "De Benedetti si limita ad affermare di aver appreso di un intervento: espressione polivalente che nulla apporta in più rispetto a quanto ben noto a Bolengo".

La Consob archivia il procedimento, ma passa l'incartamento alla Procura di Roma che - scrive ancora La Stampa - in primavera sente Renzi, De Benedetti e il vice direttore generale di Bankitalia, Fabio Panetta. Il contenuto della conversazione, finora rimasta segreta, fa parte di una richiesta di archiviazione della Procura di Roma nei confronti di Bolengo, indagato per ostacolo alla vigilanza, consegnata alla Commissione parlamentare di inchiesta sulle banche. La tesi difensiva dell'imprneditore è che ha saputo genericamnete che il governo intendeva intervenire sulle popolari, ma niente di preciso; stessa tesi di Renzi e Panetta, che hanno detto di aver parlato di un eventuale decreto, ma solo come accenno transitorio, senza alcun dettaglio.

Carlo De Benedetti investì cinque milioni di euro in Borsa con Romed spa guadagnando 600 mila euro prima del decreto del governo sulle Popolari.

Siamo nel gennaio 2015, quattro giorni dopo, il 20, viene approvato il decreto sulle Banche Popolari. Il governo farà un provvedimento sulle Popolari per tagliare la storia del voto capitario nei prossimi mesi. una o due settimane. Nella trascrizione dell'intercettazione, diffusa da Fiorenza Sarzanini del Corriere della Sera, l'ingegner De Benedetti, parlando con un professionista ingaggiato per curare i propri investimenti in Borsa, dichiara di essere a conoscenza della sicura approvazione del decreto banche, circostanza che gli permise di investire 5 milioni di euro guadagnando 600mila euro di plusvalenza in poco tempo. "I magistrati hanno sollecitato l'archiviazione dell'inchiesta perché sia Renzi sia De Benedetti, interrogati dai pubblici ministeri, hanno escluso di essere entrati nel merito del testo poi approvato a Palazzo Chigi", spiega il Corriere della Sera.

A febbraio, la Consob apre un'indagine sui movimenti dei titoli delle Popolari.

Replica Bolengo: "Se passa è buono, sarebbe da avere un basket sulle Popolari. Ma anche che l'intervento sarebbe stato realizzato in tempi brevi, ma non necessariamente brevissimi e comunque non determinanti".

"Ho parlato con Matteo Renzi, mi ha detto che passa". E di conseguenza De Benedetti avrebbe dato mandato di comprare azioni delle popolari, "esclusa Popolare Vicenza", per guadagnarci su. Sa, tutti citano il caso di Sondrio, città di 30 mila abitanti. C'era un'agenzia sul fatto che avremmo fatto quella riforma'. Sono davvero in pochi a saperlo, anche perché è inusuale che una riforma del genere passi per decreto d'urgenza.

De Benedetti: Quindi volevo capire una cosa (incomprensibile) salgono le Popolari?