Casa » Sport

Calcio, il comasco Tavecchio si dimette dalla presidenza della Figc

21 Ноября, 2017, 08:23 | Autore: Lucilla Lucia
  • Tavecchio resta solo e pensa alle dimissioni

AGGIORNAMENTO ORE 12.38: A pochi minuti dall'inizio del Consiglio Federale arriva la notizia trapelata e poi non confermata nelle scorse ore, ma che diventa ufficiale: il Presidente Carlo Tavecchio ha rassegnato le dimissioni dall'incarico. Dopo l'Aic anche la Lega Serie C ha voltato le spalle all'attuale presidente. La Serie B eleggerà i propri rappresentanti il giorno 23, la Lega A il 27. Poi critiche e accuse su tutti i fronti, partendo dall'autodifesa: "L'unica mia colpa forse è stato non cambiare ct nell'intervallo di Italia-Svezia".

Carlo Tavecchio si è dimesso dalla carica di presidente della Figc. "Abbiamo dato 30 milioni al CONI in questi anni e 50 ai fondi pubblici girati a designazioni e arbitri". Quali sono i risultati delle altre Federazioni? Chi è andato a Istanbul per organizzare la questione dell'Uefa? Anche lo stesso dimissionario nelle ulteriori dichiarazioni che trapelano da fonti giornalistiche presenti non lasciano spazi a dubbi: "Le ambizioni e gli sciacallaggi politici hanno impedito di confrontarci sulle ragioni di questo risultato, e ho preso atto del cambiamento di atteggiamento di alcuni di voi". Non sono liberi. Ma non si dica che non allenano la Nazionale per me. Ho parlato con 4-5 grandi allenatori.

Quello che è scritto resta: abbiamo attivato i centri federali territoriali e la riforma dei campionati giovanili, abbiamo sviluppato il calcio femminile, abbiamo un equilibrio di bilancio che fa invidia alle società quotate in borsa, abbiamo preparato i bilanci amministrativi, etici e sociali. Chi ha lavorato in Federazione è gente di valore, che lavora nell'interesse del sistema. "Siamo obbligati a fare la Giunta straordinaria mercoledì alle 16.30, perché lo statuto recita che abbiamo 48 ore dal momento della convocazione". Abbiamo ristrutturato completamente Coverciano, abbiamo introdotto la Var. Sono stato il primo a chiedere a Blatter la tecnologia in campo dopo Biscardi. Ventura si era candidato a fare il dt, gli dissi di no perché il tecnico non poteva fare quel ruolo.