Casa » Sport

Italia, Ancelotti o Conte per il dopo Ventura: problema ingaggio

14 Novembre, 2017, 12:21 | Autore: Lucilla Lucia
  • Carlo Ancelotti

A riportarlo è La Gazzetta dello Sport. La Federcalcio farà scattare la clausola che - nonostante il rinnovo di contratto fino al 2020 - accomiaterà l'ex allenatore del Torino e, virtualmente da oggi, comincerà un'altra storia, di cui però al momento si faticano ad individuarne gli sviluppi.

L'Italia non puo' permettersi di non partecipare al Mondiale del prossimo anno: è successo solo una volta, nel 1958. "Non siamo contrari a Ventura per partito preso, lo stimiamo pur non ritenendolo in grado di poter succedere a Conte". "Non mi ancora dimesso, devo parlarane con il presidente Tavecchio", spiega in conferenza stampa a fine gara il ct Ventura che chiede scusa agli italiani. Se realmente dovesse accadere questo scenario come sarebbe la nazionale allenata da Ancelotti?

Su Tavecchio: "La dichiarazione del presidente 'Sarebbe un'apocalisse se non ci dovessimo qualificare' è un'uscita dettata dalla paura di perdere il compenso dovuto ad ognuna delle 32 partecipanti oppure da quella di perdere la faccia?" Di più si fa un po' dura. Per lui sarebbe un ritorno, dato che è già stato Ct della Nazionale dal 2014 al 2016, quando poi è approdato al Chelsea. Conta la determinazione e la cattiveria che metti in campo.

ITALIA (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Candreva (dal 31' s.t. Bernardeschi), Parolo, Jorginho, Florenzi, Darmian (dal 19' s.t. El Shaarawy); Immobile, Gabbiadini (dal 19' s.t. Belotti).

SVEZIA (4-4-2): Olsen; Lustig, Lindelof, Granqvist, Augustinsson; Claesson (dal 27' s.t. Rhoden), Larsson, J. Johansson (dal 19' s.t. Svensson), Forsberg; Berg, Toivonen (dal 9' s.t. Thelin).