I giocatori di football in ginocchio per sfidare Trump. Lui: "È inaccettabile"

25 Settembre, 2017, 14:31 | Autore: Alighiero Casassa
  • Corea: Trump mostra i muscoli

"Mi inginocchio in preghiera per il nostro pianeta, per il futuro, per i leader del mondo".

All'inizio è stato Colin Kaepernick, quarterback di colore dei San Francisco 49ers, che ha ascoltato l'inno nazionale - che viene cantato prima di ogni partita negli Usa - inginocchiato, per protestare contro le violenze della Polizia contro gli afroamericani.

In attesa che Trump sciolga la riserva, la Guida suprema dell'Iran, ayatollah Sayyed Ali Khamenei, ha accusato il presidente di usare "un linguaggio di gangster e cowboy", facendo riferimento all'intervento del presidente all'Onu. "Infine, arriva lo sdegno contro il capo di stato statunitense da parte delle stelle Nba, Lebron James attacca:" Usa lo sport, per dividere ancora di più, il popolo americano". "Sono dei figli di p., vanno licenziati", aveva urlato, chiedendo in seguito formalmente alla lega di mandare via tutti coloro che non adempiono a questo vero e proprio obbligo. I giocatori dei Jacksonville Jaguars e dei Baltimore Ravens hanno scelto come teatro il mitico stadio londinese di Wembley per mettere in scena la loro denuncia: tutti in ginocchio, l'uno abbracciato all'altro, in segno di sfida al presidente. Poche ore dopo Bruce Maxwell, degli Oakland Athletics, è diventato il primo giocatore della Major League Baseball a inginocchiarsi durante l'inno. L'attuale inquilino della Casa Bianca è quello che ha detto che se la giovane Ivanka non fosse sua figlia ci avrebbe fatto un 'pensierino', è quello che gestisce le crisi internazionali a suon di tweet e 'rocket-man', ma è soprattutto quello che ha messo sullo stesso piano neonazisti e suprematisti bianchi con chi manifestava contro il razzismo.

Stevie Wonder s'è inginocchiato ieri sera durante un concerto che a New York ha riunito musicisti e politici per sostenere la lotta contro la povertà.

Non vi piacerebbe vedere il proprietario di una squadra NFL, quando qualcuno non rispetta la nostra bandiera, dire: "Portate quel figlio di p.fuori dal campo ora, è licenziato"?.