Un gioco di Fast & Furious dagli sviluppatori di Project CARS?

22 Settembre, 2017, 14:33 | Autore: Luciano Vano
  • Pirelli World Challenge diventa un entusiasmante videogioco

Ian Bell, amministratore delegato di Slightly Mad Studios, ha rivelato in un'intervista con SpotTheOzzie un sorprendente retroscena che ha sancito la fine dei rapporti con Electronic Arts e l'abbandono della serie Need for Speed Shift.

Il CEO del team britannico ha svelato che Electronic Arts aveva offerto loro 1,5 milioni di dollari per lavorare in esclusiva a Need for Speed Shift 3. Bell ha acconsentito all'accordo perché sembrava estremamente favorevole, ma non è stato esattamente così: "Ho preso il milione e mezzo, ho dato ai ragazzi un bel po' di bonus e due settimane prima che i lavori iniziassero Shift 3 è stato cancellato".

In ogni caso lo studio londinese ha svolto un ottimo lavoro, e anche a livello di grafica Project CARS 2 non sfigura sicuramente se affiancato ad altri titoli del suo genere e non usciti negli ultimi mesi.

Ian Bell ha concluso affermando che "gli impiegati di EA sono degli stronzi, che non ha rispetto per questa azienda, e che non stringerà mai più un accordo con loro".

"Eravamo nei guai, non avevamo più niente". Hanno provato ad ammazzarci e hanno anche provato a rubare la nostra tecnologia.

Il gioco si presenta nettamente migliorato rispetto alla sua precedente incarnazione, con molte aggiunte sia al lato tecnico che di gameplay. "Nessun preavviso. Hanno detto 'non lo faremo più'". Questo è quello che hanno provato a fare.

La redazione di Digital Foundry ha pubblicato in rete un video dedicato alle diverse risoluzioni di Project Cars 2, avventura su quattro ruote disponibile su PC, Xbox One e Playstation 4. Date un'occhiata alle offerte di Amazon.