Casa » Sport

Roma-Atletico Madrid, Di Francesco: "Alisson determinante, dobbiamo crescere"

16 Settembre, 2017, 06:02 | Autore: Lucilla Lucia
  • Champions, Roma-Atletico in 5 storie curiose

Ma andiamo con ordine.

Di Francesco capisce che non è serata e al 68′ inserisce Fazio per Defrel. Perché non siamo ancora in condizione? Molte le novità invece tra gli uomini di Simeone: in avanti Vietto è preferito a Correa per giocare al fiano di Griezmann. Vietto, smarcato da un geniale assist di Saúl Ñíguez, si presenta solo davanti ad Alisson che non "abbocca" al suo pallonetto e devia in angolo. C'è anche Vlad Chiriches tra i convocati degli azzurri di Sarri per la gara di debutto in Champions contro gli ucraini. Al 16' Vietto prova poi con un tentativo dalla distanza a sorprendere Alisson, ma il portiere brasiliano para. I giallorossi ringraziano il portiere Alisson (per lui ovazione dello stadio) e Manolas per alcuni interventi decisivi. A Roma, nonostante lo scetticismo iniziale, i tifosi hanno imparato a volergli bene e ad apprezzare la calma con cui entra in campo e con la quale affronta anche la vita privata. L'estremo difensore giallorosso ha giocato una gran quantità di palloni sbagliando poco o nulla, dimostrandosi preciso anche nei rinvii sul lungo e offrendosi costantemente come vertice per il giro palla difensivo. Però me ne vado da Roma con delle sensazioni ottime. "Non penso al fatto che non ho mai perso con le squadre italiane, penso che questo punto sarà importante nel resto del nostro cammino". Nel primo tempo abbiamo voluto metterli pressione a centrocampo e abbiamo creato palle goal, per mettere poi nel secondo tempo giocatori veloci sfruttando la stanchezza della Roma.

Inizio nervoso - La Roma scende in campo tesa e contratta e subisce psicologicamente l'inizio di gran carriera dell'Atletico che al '3 prende in contropiede la difesa romanista, grazie anche ad uno svarione di Peres, ed arriva a lambire il palo alla destra di Alisson con un gran tiro di Saul. Al primo vero impegno contro un avversario forte e in forma, il Milan o meglio Montella è crollato miseramente con scelte inaccettabili. Sì certo, così come si sente quella di Salah che giocava vicino a me. Il verdetto finale (0-0) è un risultato che i giallorossi devono accettare pensando alla bravura del loro portiere Alisson nel blindare una porta più volte presa di mira dai ragazzi di Simeone e al palo esterno colpito da Saul sui titoli di coda quando era più facile metterla dentro. Sabato anticipo di campionato all'Olimpico col Verona.