Pyongyang fermi subito i test missilistici

16 Settembre, 2017, 15:55 | Autore: Alighiero Casassa
  • Onu Corea

I Quindici, in una dichiarazione al termine della riunione di emergenza di ieri al Palazzo di Vetro, hanno "espresso la loro grave preoccupazione che la Corea del Nord mini deliberatamente la pace e la stabilità regionale, causando gravi timori per la sicurezza in tutto il mondo". "Tutti i membri delle Nazioni Unite devono attuare pienamente ed immediatamente tutte le risoluzioni". Secondo il ministero della Difesa di Seul, il vettore ha raggiunto un'altezza di 770km e dopo aver coperto una distanza di 3700km si è poi inabissato nelle acque del Pacifico settentrionale, circa 2000km ad est di Erimo. Se la Corea del Nord continuerà a percorrere questa strada, non avrà un futuro luminoso. Appena tre giorni prima, le Nazioni Unite avevano votato per applicare nuove sanzioni contro la Corea del Nord.

Il Consiglio di Sicurezza dell'Onu "condanna fortemente" il lancio del missile della Nord Corea e le "azioni oltraggiose" di Pyongyang, chiedendo che Kim Jong-un vi "ponga immediatamente fine". Lo ha confermato - come riportato da Defense News - anche il responsabile del Comando strategico militare Usa: "ho valutato l'evento e le indicazioni che ne sono derivate e dal mio punto di vista do per assunto che si sia trattato di una bomba H" ha infatti dichiarato il generale John Hyten.

La condanna del Cds segue un ennesimo lancio di un missile balistico, nella fattispecie un Hwasong-12, avvenuto ieri all'alba da un sito vicino a Pyongyang. Guterres invita la leadership della Corea del Nord "a cessare ulteriori test, rispettare le relative risoluzioni del Consiglio di sicurezza e consentire spazio per la ripresa di un dialogo sincero sulla denuclearizzazione".