Ius soli, appello Boldrini: 'Credo sia conveniente per tutti'

16 Settembre, 2017, 06:38 | Autore: Sofia Staffieri
  • Perché per il Pd la verità non è più rivoluzionaria?

LUPI - Pronta la stoppata di Lupi, presidente dei deputati Ap: "Orfini - dice - chiede ai ministri del Pd di lavorare perché si giunga alla richiesta di fiducia sullo ius soli". Resto alle parole che ho detto alcune settimane fa. "Ci sono dei punti di contatto ma stiamo parlando di argomenti abbastanza diversi". La legge di riforma della cittadinanza è un provvedimento equo, pensato per tutelare i diritti di bambini e ragazzi che sono già nei fatti italiani, ma, in questo preciso momento, in Senato non c'erano le condizioni per approvarla. - riporta in un comunicato il senatore del Partito Democratico Stefano Vaccari - Dovrebbe saperlo anche il ministro Delrio. "Senza non ci sono i numeri dato che una parte della maggioranza -che pure aveva votato il testo alla Camera- ha cambiato opinione", ha spiegato Orfini. Le condizioni ora non ci sono. L'aver progressivamente svuotato il patrimonio di idee che costituivano la sua identità non la esime suo malgrado dal vedersi intestate certe battaglie che sono state un tratto identitario della sua storia, dei principi fondanti della civiltà del diritto e della democrazia. "Ai ministri che chiedono lodevolmente di accelerare - sono ancora le parole del presidente Pd - suggerisco di lavorare più rapidamente per sciogliere il nodo fiducia".

Da sindaco della sua città, nel 2011, fu promotore di una campagna con tanto di due proposte di legge di iniziativa popolare per estendere i diritti di cittadinanza, di cui è così fiero da riportarne notizia nel breve curriculum sul sito del governo. Portare in aula il testo senza la garanzia che venga posta la fiducia significa ammazzare lo Ius soli. Renzi sta con Gentiloni, e viceversa.

"Il Pd vuole approvarlo e già allora chiesi al governo di valutare se ci fossero le condizioni per mettere la fiducia". Una sensazione che probabilmente ha avvertito anche Delrio.

Dopo il ministro Maurizio Martina che dalla Festa dell'Unità di Roma ha spinto per una calendarizzazione del provvedimento e una discussione definitiva - "A noi non può bastare mettere a calendario il provvedimento ma dobbiamo essere sicuri che il provvedimento non rimbalzi ma si approvi definitivamente". Secondo Massimo D'Alema rinunciare allo ius soli può essere addirittura un problema di sicurezza: "Che milioni di ragazzini che nascono qui siano apolidi è un errore enorme".