Casa » Sport

Napoli, Hamsik: "Partita difficile con lo Shakhtar. L'obiettivo sono gli ottavi"

13 Settembre, 2017, 00:52 | Autore: Lucilla Lucia
  • Il Napoli annuncia su Twitter la fine del silenzio stampa

Conclusosi il silenzio stampa, il Napoli riprende i rapporti con i media. Il bianconero cambia tanto e sceglie di partita in partita che calcio fare. Sono pronto a giocare al 100%, ma la scelta deve farla l'allenatore. È una soluzione che vedremo in campo. Li vedrete appena riposerà Insigne, non so se questo accadrà domani o più avanti. Se mi trova una squadra. Eppure anche nella macchina perfetta di Maurizio Sarri c'è chi non è soddisfatto e attende di poter dare il massimo.

Infine un pensiero a Maradona, che di recente ha riservato parole importanti per il suo Napoli. Dobbiamo concentrarci perché sarà una partita difficile contro una squadra molto tecnica e che attacca a pieno organico - ha commentato Sarri a Premium Sport -. Ha anche due difensori esterni sempre in posizione offensiva. Ci creerà molte difficoltà perché dovremo difendere bassi. "Pensiamo partita per partita non a giugno".

Milik ha invece iniziato parlando dell'esordio dello scorso anno: "Ricordo le due reti alla Dinamo Kiev, mi aiutarono tantissimo. È un match importantissimo". Un acuto, subito amore con i tifosi, poi il drammatico infortunio al ginocchio (rottura del legamento crociato) e il lungo calvario che lo ha tenuto lontano dai campi fino a febbraio, togliendogli la possibilità di giocarsi le sue chance di lottare per una maglia da titolare. "Non è un girone semplice". Ora è arrivato il momento di dimostrare anche in Europa di essere una squadra maturata. Non credo neanche sia un salto di qualità: a me piace quando giochiamo bene per 90'. Poi, chiaramente, passato quel momento, abbiamo le qualità per fare anche a fare risultato. Ma il nostro obiettivo è dominare le partite dall'inizio alla fine" - e aggiunge - "Il calendario non aiuta, ma non è quello il problema. "Se è così gli altri stanno peggio".

"Marek sta bene ma gioca sempre e solo sessanta minuti - afferma Petras - e da fuori può sembrare che abbia qualche problema". Per questo esce tutte le partite, è l'unico modo per farlo riposare ma averlo sempre a disposizione.