Casa » Sport

Milan, confronto tra Montella e la squadra: si passa al 3-5-2

13 Settembre, 2017, 15:29 | Autore: Lucilla Lucia
  • Squadre Serie ALazioMilanSerie A      Immobile stende il Milan Inzaghi travolge Montella 4-1
     
     
       Di Redazione Cm24-        10/09/2017

Le numerose amnesie difensive degli uomini rossoneri hanno convinto il tecnico napoletano a passare ad una linea difensiva composta da 3 uomini già dall'impegno di giovedì sera in Europa League, contro l'Austria Vienna. Cutrone sta facendo benissimo, è stata una scelta mia e di questa società, che gli ha rinnovato il contratto.

Che qualcosa dovesse girare diversamente nell'intervallo, è possibile, ma quasi tutti coloro che puntano il dito contro l'allenatore campano non hanno il tesserino federale in tasca, per cui i giudizi devono tener conto della comprensibile difficoltà di mettere insieme un undici completamente nuovo e sopperire alle assenze di questo inizio di stagione quali quelle di Romagnoli, Bonaventura, Biglia (opaco anche lui all'Olimpico) e ieri Conti. Non farei un dramma più di quello che è necessario”. "Voglio vedere fiducia e la fame necessarie per giocare a certi livelli". Ho avuto la sensazione che non ci eravamo con la testa e abbiamo perso l'aspetto nervoso che ti fa correre di più. La mancanza di reazione? Si può giocare bene o male, si può perdere e non essere ancora del tutto un gruppo unito e compatto visti i pochi allenamenti della rosa al completo come ammesso dallo stesso Montella nell'immediato post partita di Roma, ma allo stesso tempo non si può più 'spegnere' la luce come successo a cavallo tra il primo e il secondo tempo della sfida con la Lazio.

"Negli ultimi due mesi abbiamo fatto tantissimi acquisti ed abbiamo ricevuto tantissimi complimenti. Dobbiamo lavorare sull'atteggiamento, chiedo una squadra più pratica e che cerchi meno la bellezza".

Un altro Milan che passerà anche e per forza da un cambio di modulo invocato da tanti ma che non sembra convincere sino in fondo Montella: "Noi dovremmo imparare ad essere polivalenti e a imparare a cambiare anche in corsa". Non lo ricordano tutti, forse, ma noi abbiamo già giocato a tre dietro con altri interpreti in Europa League.