Duecento turisti intossicati da riso e pollo, controlli in un ristorante

17 Agosto, 2017, 13:31 | Autore: Alighiero Casassa
  • TRASIMENO: 200 TURISTI INDIANI INTOSSICATI

I turisti erano arrivati sul lago in pullman da Roma. L'allarme era scattato a Castiglione del Lago un paio di ore dopo che il gruppo di 200 stranieri, partito da Roma, aveva avvertito disturbi intestinali dopo aver consumato un pasto con cibo acquistato nella capitale in un ristorante multietnico. Lo hanno raccontato loro stessi ai sanitari del 118 e dell'ospedale di Perugia, intervenuti per curarli e per somministrare loro farmaci contro vomito e diarrea. Si tratta di quattro donne ed due uomini trasportati all'ospedale di Castiglione del Lago, e di tre bambini, di tre, sei e dieci anni portati presso la struttura complessa di Pediatria del Santa Maria della Misericordia. Per nove di loro, si è reso necessario il ricovero in ospedale a scopo precauzionale.

Intossicati per un pranzo al sacco. Preparare pasti per un numero così elevato di persone richiede particolare attenzione in quanto i cibi non possono essere cotti molte ore prima e lasciati fuori per lungo tempo. "Confermo che gli alimenti sospettati di aver causato l'intossicazione non provengono dall'Umbria", spiega Esposito.

È molto probabile che vengano dimessi nella giornata di oggi, dopo gli ultimi controlli. Sugli alimenti in questione svolgono accertamenti la Asl e il Nas.