Omicidio nel Potentino: vigile freddato sulla porta di casa

13 Agosto, 2017, 22:50 | Autore: Alighiero Casassa
  • Barile. Il vigile urbano Remo Giuliano ucciso davanti casa

Il movente sarebbe passionale e legato ad una storia che la vittima avrebbe avuto con una donna. Secondo quanto riporta Rai News, le autorità hanno iniziato a seguire questa pista fin dalle ore successive all'omicidio, grazie anche alle testimonianze raccolte nella cittadina.

Caccavo si è presentato a casa del vigile apparentemente per discutere con lui, ma tra i due è nato un diverbio che è rapidamente degenerato, culminando con Alessandro che ha estratto l'arma da fuoco ed ha freddato Giuliani con vari spari al torace, prima di scappare con la sua autovettura. In paese è stata annullata la "Notte barilese", prevista per stasera.

Intanto, le indagini dei Carabinieri del comando provinciale di Potenza prendono subito la direzione giusta: tutti conoscevano Giuliano, come è logico attendersi in un paese della Basilicata. I carabinieri, che hanno isolato la zona e sentito alcune persone, hanno trovato l'arma usata dal killer (una pistola 7,65) e stanno indagando per chiarire con esattezza il movente dell'omicidio e risalire al responsabile dell'omicidio avvenuto mentre la vittima stava uscendo di casa.

Si tratta di Alessandro Caccavo, un 64enne di Potenza.