Uova contaminate, coinvolti 15 Paesi Ue: c'è pure l'Italia

12 Agosto, 2017, 19:29 | Autore: Sofia Staffieri
  • Uova contaminate, coinvolti 15 Paesi Ue: c'è pure l'Italia

I procuratori hanno affermato, giovedì in una nota, che i due fermati durante una serie di perquisizioni, sono direttori di una società che ha presumibilmente utilizzato Fipronil nelle aziende. Anche se nessuno è stato segnalato come malato, le autorità hanno dichiarato che esistono prove che la salute pubblica è stata minacciata dalla "consegna o applicazione del biocida Fipronil nelle case di pollame nel settore delle uova". Oltre all'Italia, i paesi che sono toccati direttamente da questa vicenda sono: il Belgio, i Paesi Bassi, la Germania, la Francia, la Svezia, il Regno Unito, l'Austria, l'Irlanda, il Lussemburgo, la Polonia, la Romania, la Slovacchia, la Slovenia e la Danimarca, oltre alla Svizzera, non facente parte della comunità europea, e ad Hong Kong, unico paese extraeuropeo coinvolto in questo caos. Ma il ministero della Salute ieri ha rassicurato i consumatori: "Il rischio è marginale, le uova in Italia non sono mai entrate in commercio". "Non è una riunione di crisi", ha chiarito un portavoce della Commissione Ue, l'obiettivo è "migliorare l'efficacia del sistema di allerta dell'Unione sulla sicurezza alimentare".

L'agenzia per la sicurezza alimentare belga, "l'Afsca, non ha organizzato controlli sistematici per rintracciare l'uso dell'insetticida fipronil nella catena alimentare, nonostante un rapporto del Consiglio superiore della sanità belga mettesse in guardia sulla tossicità del prodotto, già nel giugno 2016". L'Italia figura tra i 15 Paesi ad aver ricevuto uova dalle aziende coinvolte nello scandalo delle uova contaminate dal fipronil. "Una misura che si è dimostrata efficace in questi anni, dalla mucca pazza all'aviaria, è stata l'introduzione dell'obbligo di indicare in indicare in etichetta l'origine dei prodotti che va esteso a tutti gli alimenti senza attendere che si verifichino le emergenze, ma - precisa Moncalvo - va anche tolto il segreto sui flussi commerciali con l'indicazione delle aziende che importano materie prime dall'estero per consentire interventi mirati".