Attacco hacker in tutto il mondo. Colpita anche la centrale di Chernobyl

27 Июня, 2017, 20:02 | Autore: Sofia Staffieri
  • ANSA									+CLICCA PER INGRANDIRE

In Norvegia interrotti i servizi di una non identificata "compagnia internazionale".

Un attacco hacker, simile a WannaCry, è attualmente in corso in Russia e Ucraina.

Secondo gli ultimi aggiornamenti, il ransomware, denominato Petya, è stato "avvistato" non solo a Kiev e dintorni, ma anche in Spagna, Russia, India, Regno Unito e Olanda, dove il nuovo virus del riscatto ha già compromesso i computer di numerose imprese e strutture. Rozenko ha aggiunto che anche i computer del gabinetto ucraino sono in questo momento inaccessibili, nella foto pubblicata si vede distintamente un messaggio d'errore dove vi è scritto che diversi file di sistema sono danneggiati e necessitano di una riparazione.

Tuttavia anche il sito della Rosneft, colosso petrolifero russo, è irraggiungibile e nella metropolitana di Kiev non si possono effettuare pagamenti elettronici.

"E' la più grande intrusione nella storia dell'Ucraina" scrive su Twitter Anton Gerashchenko, assistente del ministro dell'Interno sul Facebook. Secondo Kaspersky anche in Italia sono stati colpiti alcuni computer. Nell'aeroporto di Borispil, in Ucraina, si registrano ritardi ai voli. Prima ancora, ad essere colpite sono state le compagnie petrolifere russe Rosneft e Bashneft.

L'attacco odierno la cui estensione deve essere ancora valutata del tutto, sarebbe basato su di una variante del ransmware Petya che sarebbe in grado di bloccare l'intero sistema oeprativo Windows criptando la tabella MFT del filesystem NTFS. Lo riporta il sito ucraino Kromadske. La portavoce dell'SBU - i servizi di sicurezza ucraini - avrebbe detto che all'interno dell'agenzia si suppone che gli attacchi siano partiti dalla Russia o dai territori occupati del Donbass. Secondo l'Agenzia nazionale per la gestione della zona contaminata, i sistemi interni tecnici della centrale "funzionano regolarmente" e invece sono "parzialmente fuori uso" quelli che monitorano "i livelli di radiazione". Confondendo così le acque perché si tratta di un ransomware e non, strettamente parlando, di una cyber-arma. L'azienda energetica Ukrenego sta subendo l'attacco, ma secondo un portavoce non ci sono state interruzioni nell'erogazione della corrente elettrica.