Tim Hague morto per emorragia dopo un incontro

20 Giugno, 2017, 11:55 | Autore: Luciano Vano
  • YOUTUBE Tim Hague, il pugile canadese, è morto. Due giorni di coma dopo il ko a Edmonton

Il 34enne pugile canadese, vittima di un tremendo ko nell'incontro con Adam Braidwood, è morto dopo due giorni di agonia in una stanza del Royal Alexandra hospital di Edmonton.

I medici hanno accertato subito il trauma cerebrale e, dopo poco, Hague è entrato in coma. Il messaggio della famiglia: "È con immensa tristezza, dispiacere e strazio che comunichiamo il passaggio di Tim a miglior vita".

Al suo quarto incontro di boxe da professionista, Tom Hague è morto in seguito ad un emorragia cerebrale.

Lo sfidante che l'ha mandato KO, Adam Braidwood, era stato in passato un giocatore professionista di football americano, dove aveva giocato con gli Edmonton Eskimos. L'incontro tra i due era andato in scena venerdì sera, e da allora il canadese non si era più ripreso, fino alla morte sopravvenuta nella tarda serata di ieri, e resa pubblica quest'oggi anche in Italia. Hague aveva combattuto per eventi quali Ultimate Fighting Championship, World Series of Fighting e King of the Cage, prima di passare al pugilato.